Avvicendamento nel coordinamento dei soccorsi in Perù per Cecilio, raccolti finora 17’000 Euro

La notizia è stata pubblicata alle 9.00 di questa mattina in Spagna. A causa del fuso orario e degli aggiornamenti in cascata abbiamo circa un giorno di ritardo sulle notizie, quindi preghiamo chiunque abbia ultimissime notizie di farcele avere in qualche modo, citando la fonte.

James Apaéstegui, presidente del Espeleo Club Andino Perú, per motivi personali ha rinunciato al coordinamento dei soccorsi nella grotta in perù dove è ancora bloccato lo speleologo madrileno Cecilio López Tercero, fermo ormai da 7 giorni sul luogo dove è caduto da 5 metri, a 400 metri di profondità.
Subentra nel coordinamento dei soccorsi Luis Díaz, coordinatore del soccorso di Madrid.

Sul posto ci sono attualmente 16 tecnici del soccorso della Federación Madrileña de Espeleología, altri dieci spagnoli stanno raggiungendo l’entrata della grotta e speriamo che nel momento in cui scriviamo siano arrivati; altri 31 sono in viaggio dalla Spagna al Perù, partiti in due scaglioni, di cui l’ultimo di 9 soccorritori questa mattina alle 9.00 ora spagnola.
Ci sono poi 7 speleologi dell’ ECA e 3 delGroupe Spéléo Bagnols Marcoule (GSBM); Chiudono l’elenco 7 agenti della Policía Nacional del Perú, 3 vigili del fuoco del Cuerpo General de Bomberos del Perú e 8 militari della Fuerza Aérea del Perú.

Alle 9.00 di questa mattina non si avevano ancora notizie su un eventuale spostamento di cecilio, operazione delicata vista la situazione di due vertebre rotte. Le sue condizioni sono stabili e adesso è costantemente assistito da un paramedico speleo spagnolo.

Le autorità peruviane della Municipalidad Distrital de Leymebamba, che è la città più vicina, stanno fornendo viveri e appoggio logistico.

Da quei figli di mignotta dei politici del governo spagnolo non arriva niente e il Ministro spagnolo sembra deciso a non voler finanziare l’operazione di soccorso, ne pensa di spedire le truppe militari in supporto “perchè sembrerebbe una invasione militare del Perù”
Grazie alla raccolta fondi ancora in piedi, si è riusciti a raccogliere la cifra di 17’000 euro (questa è la fonte della notizia che dice della cifra), contributo di volontari speleologi di tutto il mondo speriamo, tra cui moltissimi italiani che hanno contattato anche me per avere le giuste coordinate per la raccolta fondi.
Sembrano tanti soldi, ma giù sono andati ben 41 speleologi in aereo, e dovranno pure tornare a casa, alla faccia del governo spagnolo, quindi rinnoviamo l’appello a versare, secondo le proprie possibilità, soldi per aiutare i soccorritori madrileni impegnati a salvare Cecilio.

Questi sono i dati del conto corrente su cui effettuare il versamento e l’indirizzo mail per il versamento con Paypal:

Vi inviamo quindi ad effettuare i vostri versamenti su:

FEDERACIÓN MADRILEÑA DE ESPELEOLOGíA
ING DIRECT

per chi versa dalla Spagna:
España C.C. 1465 0100 96 1900147524

Dagli altri Paesi: Stefano Rossi ha apportato e trovato i dati corretti per il versamento, ha anche contattato gli spagnoli, quindi per chi mi ha chiesto chiarimenti, confermo che questi sono i dati corretti:

Tipo bonifico SEPA
Beneficiario FEDERACION MADRILENA DE ESPELEOLOGIA
Nazione Spagna
Banca ING BANK N.V.
Iban ES3814650100961900147524
Bic INGDESMMXXX
Causale RESCATE INTIMACHAY

Anche per paypal, i dati completi sono:

IBAN ES38 1465 0100 96 1900147524
Cuenta de PayPal fmespeleo@gmail.com
SWIFT/BIC INGDESMM
PayPal Federacion Madrileña de Espeleologia

Queste, oltre all’articolo già linkato che indica la cifraa versata, sono le fonti di questa ultima notizia:

http://truji-espeleo.blogspot.it/2014/09/afirma-presidente-del-espeleo-club.html

http://rescateintimachay.blogspot.it/

http://elcomercio.pe/peru/amazonas/

Leave a Response