Speleopsicoriflessioni nel buio, rubrica a cura di MMSCCA

speleopsicoriflessioni

Speleopsicoriflessioni nel buio

“Chi è nel fango tende a guardare le stelle.”
[Ava Gardner, in La contessa scalza, 1954]
Questo citava la sensuale e affascinante diva hollywoodiana che probabilmente non entrò mai in una grotta ma seppe cogliere l’essenza del valore di coloro che come gli speleologi nel fango trascorron gran parte del tempo delle loro attività eppure continuano [...]

Speleopsicoriflessioni nel buio

In grotta siamo in grotta siamo tutti indifesi,tutti sotto lo stesso “tetto”, siamo tutti in silenzio e al buio… in grotta non esistono ricchi o poveri, belli o brutti, gente con le mani linde, ma esistono forti e deboli nello spirito più che nel fisico. Sì, perché in grotta è forte chi supera le [...]

Speleopsicoriflessioni nel buio

“Chi combatte con i mostri deve guardarsi dal non diventare egli stesso un mostro. E se guarderai a lungo nell’abisso, l’abisso guarderà dentro di te.” [Friedrich Nietzsche]
Ogni cosa che facciamo ci espone, ci coinvolge, per cui bisogna essere preparati allo sguardo dell’abisso in noi, cioè dell’azione dell’ignoto, di ciò che non conosciamo di noi stessi [...]

Speleopsicoriflessioni nel buio

Possiamo perdonare un bambino quando ha paura del buio.
La vera tragedia della vita è quando un uomo ha paura della luce.
[Platone]
Il mito di cui alla citazione poc’anzi riportata narra la condizione del prigioniero, costretto a vivere in una caverna con le spalle rivolte all’uscita. Fuori dalla caverna si trova un muro ad altezza d’uomo dietro [...]

Speleopsicoriflessioni nel buio

“L’uomo è l’unica creatura della terra che abbia volontà di guardare all’interno di un’altra ” .
Una frase breve e incisiva, ripresa da un libro del filosofo-epistemologo Gaston Bachelard che si potrebbe cominciare per una riflessione sulla speleologia e la psicologia e cogliere alcune “affinità elettive” tra lo studio dell’interno del mondo e quello del [...]

Speleopsicoriflessioni nel buio

“E’ facile la discesa in Averno;
la porta dell’oscuro Dite è aperta notte e giorno;
ma ritirare il passo e uscire all’aria superna,
questa è l’impresa e la fatica. Pochi, che l’equo
Giove dilesse, o l’ardente valore sollevò all’etere,
generati da dei lo poterono. Selve occupano tutto
il centro, e Cocito scorrendo con oscure sinuosità lo circonda.”
(Eneide, VI, vv. 126-132)
“V’era una [...]

Speleopsicoriflessioni nel buio

“Il mio zaino non è solo carico di materiali e di viveri: dentro ci sono la mia educazione, i miei affetti, i miei ricordi, il mio carattere, la mia solitudine. In montagna non porto il meglio di me stesso: porto me stesso, nel bene e nel male… “
Una riflessione, un’autocritica, un insegnamento universale del grande [...]

Speleopsicoriflessioni nel buio

“Michel Siffre passò 205 giori in caverne buie, perse il senso del tempo e.. la testa. Vi scrivo dal profondo della mia caverna di pernottamento. Sita nel carcere di Voghera.. si trova in Italia. Michel Siffre che è uno scienziato.. “come me” si è sottoposto all’isolamento diurno e notturno, cercando di capire cosa può succedere [...]

Speleopsicoriflessioni nel buio

“Immagina di vedere degli uomini rinchiusi in un’abitazione sotterranea a forma di caverna, che abbia l’ingresso aperto verso, estendentesi in tutta la sua ampiezza per tutta quanta la caverna; inoltre che si trovino qui fin da fanciulli con le gambe e con il collo in catene in maniera da dover star fermi e guardare solamente [...]