Orecchi diversi ma udito simile al nostro: ecco come udivano i neanderthaliani

erano abitanti delle caverne
Orecchi diversi ma udito simile al nostro: ecco come udivano i neanderthaliani

Gianluca Grossi
Gianluca Grossi
1 giorno fa

Orecchi diversi, ma udito molto simile. Così può essere spiegata l’analisi condotta da esperti del Max Planck-Institut su un campione di crani di neanderthaliani. Gli esperti hanno studiato per la prima volta le caratteristiche di martello, incudine e staffa, i tre ossicini che caratterizzano il nostro sistema uditivo; e hanno visto che ci sono profonde differenze dal punto di vista strutturale fra la nostra specie e quella dell’Homo neanderthalensis. Spiegano il fenomeno affermando che i neanderthaliani seppero sviluppare una grande capacità encefalica, mantenendo però una struttura arcaica della volta cranica.

Negli uomini moderni, invece, con l’affermazione dell’intelligenza e l’ingrandimento del cervello, c’è stato anche un ammodernamento dell’anatomia cerebrale. Gli studiosi affermano su Proceedings of the National Academy of Sciences che le differenze strutturali fra noi e i nostri antichi cugini, siano simili a quelle ancora oggi riscontrabili fra scimpanzé e gorilla.

Dunque, la domanda sorge inevitabile: i neanderthaliano udivano in modo diverso da noi?
Su questo tema gli scienziati non possono pronunciarsi in modo assoluto, ma sono piuttosto scettici; ritenendo che molto probabilmente i neanderthaliani sentivano come noi. E la risposta giunge anche dall’interpretazione dell’anatomia laringea che prova le profonde similitudini fisiologiche fra le due specie. Robert McCarthy dell’Antlantic University in Florida, partendo dai resti fossili, ha ricostruito la laringe di un neanderthaliano e l’ha sottoposta a test in grado di evidenziare l’attitudine linguistica dei nostri antenati. Si è visto che probabilmente non erano in grado di pronunciare correttamente le vocali a, i, u; ma che possedevano un linguaggio arcaico strettamente riconducibile a quello dell’uomo contemporaneo.

Leave a Response