Il Monte Calvario e le sue gallerie – “Serate in compagnia di: …”

12 maggio 2017

Il Centro Ricerche Carsiche “C. Seppenhofer” svolgerà, venerdì 12 maggio, una interessante conferenza, accompagnata da numerose immagini, sulle ultime scoperte riguardanti alcune gallerie di guerra recentemente ritrovate sulla sommità del Monte Calvario. Durante la serata saranno anche illustrate le vicende storiche legate alle aspre battaglie combattute su questo monte per la conquista di Gorizia. Gli speleologi del Centro Ricerche Carsiche “C. Seppenhofer” vi accompagneranno attraverso un viaggio ideale nelle viscere del Monte Calvario dove i soldati italiani e austro-ungarici si contesero questo importante baluardo.

Prosegue con successo anche quest’anno il ciclo di conferenze promosso dalla Federazione Speleologica Isontina con il patrocinio del Comune di Gradisca d’Isonzo attraverso il suo Assessorato alla Cultura.
“Serate in compagnia di: …” si intitola il ciclo di conversazioni serali a tema speleologico, geologico, naturalistico e storico che ormai è diventato una vera e propria tradizione per la cittadina isontina essendo arrivato già alla sua nona edizione.
Una tradizione dunque che si ripete di anno in anno con sempre maggior interesse da parte della cittadinanza gradiscana e non solo. Interessante il programma di conferenze proposto presso la sala Conferenze del palazzo Monte di Pietà di Gradisca d’Isonzo con inizio alle ore 20.30 e ad ingresso libero.
Infatti, la Federazione Speleologica Isontina, che organizza l’evento, ospiterà per tutti i quattro venerdì di maggio delle serate di conversazioni su argomenti molto attuali e accattivanti, di sicuro interesse pubblico.

Venerdì 12 maggio 2017 dalle ore 20:30 alle ore 22:00
Gradisca d’Isonzo – Palazzo Monte di Pietà – via Dante Alighieri, 29
a cura Centro Ricerche Carsiche “C. Seppenhofer”

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Appuntamenti, Friuli Venezia Giulia, Prima Guerra Mondiale, Speleologia urbana

Collassa deposito sotterraneo di rifiuti radioattivi negli USA

Nel più vasto deposito di rifiuti nucleari della Difesa negli Stati Uniti è collassato un deposito sotterraneo. L’incidente per ora non ha causato vittime ne feriti tra il personale addetto, ne si sono verificate fughe radioattive (secondo quanto dicono le fonti ufficiali)
L’incidente si è verificato nella mattinata di ieri, martedì, ed è partita l’emergenza.
La struttura sotterranea parzialmente crollata su se stessa è dell’impianto denominato “Purex” al centro del complesso di Hanford, vasto quanto metà del Rhode Island, a sudest di Seattle.
Il sito, ora chiuso, in passato ha prodotto per anni plutonio per le testate nucleari Usa.

Dunque se le strutture destinate a deposito e stoccaggio di rifiuti radioattivi, con tutta la TECNOLOGIA, le CAPACITA’, le RASSICURAZIONI, crollano dopo 70 anni, come si fa a pensare di usare le miniere della Sardegna, o i bacini sotterranei della Puglia, per mettere a stoccare i nostri materiali radioattivi, che rimangono tali per 10mila anni?

Coglioni. Coglioni tutti quelli che a suo tempo, era il 2003, hanno pensato ad una cazzata del genere in Italia. Ce ne sono pure tra i lettori di Scintilena, gli ottimisti ad ogni costo.

Tranquillo fece una brutta fine, gli si scoparono la moglie.

Nel Giugno del 2003 una fresca Scintilena (era nata appena da 4 mesi), invitava a firmare la petizione contro lo stoccaggio di 50 tonnellate di scorie radioattive in Sardegna.
Io vi invito ancora oggi, dopo 14 anni, a resistere, resistere, resistere agli ottimisti ad ogni costo.

Andrea Scatolini

Fonte: Agenzia Nova

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Ambiente, Notizie dall'estero

SPELEOSUB: IL PIU’ GRANDE!!!!!

Il francese Frederic Swierczynski, già detentore del record mondiale di immersione in grotta multi-Sifoni a-267 metri, ha battuto, ieri, un altro record, diventando il primo uomo a raggiungere il fondo del lago rosso di imoschi a-240 Metri, al termine di oltre 180 minuti di immersione. Complimenti a lui e a tutta la sua squadra!

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Altre Notizie

BANDO DI CONCORSO per premi di Laurea “RODOLFO GIANNOTTI” 3° edizione

BANDO DI CONCORSO per premi di Laurea “RODOLFO GIANNOTTI” 3° edizione

La Federazione Speleologica Toscana bandisce un concorso per l’assegnazione del premio di laurea dedicato a “RODOLFO GIANNOTTI”. L’importo complessivo dei premi di laurea che saranno erogati ammonta ad euro 800,00.
Possono presentare domanda di partecipazione al concorso i laureati presso tutte le Università del territorio nazionale in possesso di laurea di primo livello o magistrale di qualsiasi corso che abbiano svolto una tesi di laurea inerente la ricerca sul territorio carsico e/o ipogeo della regione Toscana e abbiano conseguito il titolo di studio dal 1 ottobre 2016 al 30 settembre 2017.

Il concorso si propone di incentivare la ricerca scientifica collegata al mondo ipogeo, contribuire alla Continua a leggere BANDO DI CONCORSO per premi di Laurea “RODOLFO GIANNOTTI” 3° edizione →

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Toscana

L’Antro del Corchia” alla rubrica “Eat Parade” del TG2

12 maggio 2017

Il libro “L’Antro del Corchia o Buca d’Eolo” di Franco Utili verrà segnalato durante la rubrica del TG2 “Eat Parade” in onda Venerdi’ 12 Maggio alle 13.30 su Rai2 (Repliche Sabato 13 Maggio dopo Mezzanotte, Martedì 16 Maggio alle 10.30 e Venerdi 17 Maggio alle 03.00), in diretta e in differita su www.raiplay.it , sull’app RaiPlay e in seguito sul sito www.tg2.rai.it nella sezione Rubriche/Eat parade.

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Appuntamenti, Libri di Speleologia e Speleologi, Toscana

La CGEB Trieste all’ European Geosciences Union General Assembly 2017

Un lavoro scientifico a firma “Commissione Grotte “E.Boegan” di Trieste nell’ambito del progetto C3 “Cave’s Cryosphere and Climate” (https://www.c3project.net/), che vede la cooperazione di numerosi istituti di ricerca in ambito europeo (https://www.c3project.net/cooperations), è stato presentato alla “European Geosciences Union General Assembly 2017” tenutasi lo scorso 23-28 aprile a Vienna (A). Il poster “Ice cores and calcite precipitates from alpine ice caves as useful proxies in paleoclimate reconstructions” riassume lo stato dell’arte delle ricerche condotte nelle Alpi Giulie e presenta i primi risultati scientifici del C3 (un lavoro è stato recentemente accettato ed è in via di pubblicazione sulla rivista scientifica internazionale italiana “Geografia Fisica e Dinamica Quaternaria”). Al seguente link è possibile scaricare il pdf dell’abstract relativo al poster presentato all’EGU di Vienna http://meetingorganizer.copernicus.org/EGU2017/EGU2017-17181-3.pdf

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Aggrega, Ambiente, Friuli Venezia Giulia, Glaciospeleologia

Diversamente speleo 2017 Italia Centrale – Falvaterra 18 giugno 2017

Carissimi Speleo Amici, siete pronti per il nostro Diversamente Speleo Abruzzo, Lazio e Italia Centrale?

diversamente-speleo-2017

diversamente-speleo-2017


Se anche tu vorrai condividere con allegria questa giornata di festa in compagnia di tanti Amici provenienti dalle diverse parti d’Italia ti chiediamo di comunicarci la tua adesione.
Al fine di snellire le operazioni quest’anno dovrai iscriverti on line compilando il form in allegato:
https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScVkEtWewfxbzJ4-Z86hcPrUmOjjAB6-nOtijCfRbyeNkXAOw/viewform?c=0&w=1

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Diversamente Speleo, Lazio

Monitoraggio microbico in grotte italiane – Cave Microbial Survey

Cave Microbial Survey nasce con l’idea di promuovere una rete di informazioni a livello internazionale, riguardante la microflora delle cavità naturali ed artificiali.
A cura di Ilaria Vaccarelli, speleologa e studentessa in Scienze e Tecnologie per L’Ambiente presso l’Università degli Studi dell’Aquila, ideatrice del progetto, ma questo può funzionare solo grazie alle preziose informazioni di speleologi curiosi ed interessati

ll progetto si basa sull’utilizzo di una scheda interamente compilabile online, a seguito dell’osservazione di colonie microbiche rilevate all’interno di grotte frequentate o in esplorazione. La struttura stessa della scheda facilita la compilazione, grazie ad immagini esplicative, permettendo di ricevere informazioni dettagliate anche da speleologi non formati sull’argomento. Ogni segnalazione viene elaborata ed utilizzata a fini scientifici, divulgativi e gestionali. Il progetto può risultare di grande importanza per il monitoraggio, la conservazione e per una fruizione consapevole dell’ambiente ipogeo.

https://vaccarelliilaria.wixsite.com/cavemicrobialsurvey/

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Abruzzo, Ambiente, WEB & Software

Speleologia lunare: una missione robotica in tubi di lava

Mettete insieme uno speleologo, geologo esploratore di cavità nei luoghi più remoti del nostro pianeta; un pilota, astronauta e avventuriero spaziale; un ingegnere che si occupa di tecnologie avanzate e studi innovativi per future missioni spaziali; un ingegnere speleologo formatore (singolare femminile, ma suona meglio cosí) che adora creare connessioni tra menti brillanti. Date loro l’ opportunità di partecipare a conferenze sull’ esplorazione lunare. Agitate forte, senza mescolare.

Jules Verne avrebbe apprezzato.

LunaTube: è il nome di una possibile missione in tubi di lava lunari

https://www.researchgate.net/publication/316472865_LunaTube_a_new_mission_design_for_lava_tube_exploration_on_the_Moon

Non finisce qui.
Godetevi il poster.

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Esospeleologia

Presentazione del libro “Il respiro delle grotte” di Natalino Russo ad Argenta (FE)

12 maggio 2017

Presentazione del libro “Il respiro delle grotte” di Natalino Russo ad Argenta il 12 maggio 2017

il-respiro-delle-grotte-natalino-russo

il-respiro-delle-grotte-natalino-russo

Il respiro delle grotte
di Natalino Russo – Ediciclo Editore

Le grotte sono l’ultima frontiera dell’esplorazione.
L’acqua scorre dentro le montagne, vi scava abissi, costruisce immensi reticoli tridimensionali, profondi e tenebrosi. Questi vuoti sono geografie lontane e invisibili. Lì, sottoterra, non arriva l’occhio dei satelliti, non funzionano né radio né telefoni. Per sapere cosa c’è oltre il buio bisogna proprio andarci. Ed è un viaggio che soltanto gli speleologi intraprendono: illuminano per la prima volta luoghi mai visti, ne disegnano i confini sulle carte, gli danno i nomi.

Serate organizzate grazie al contributo di Emil Banca Credito Cooperativo di Argenta.
Con il patrocinio di Pro Loco Argenta.

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Appuntamenti, Emilia Romagna, Libri di Speleologia e Speleologi