Il 17 ottobre 2019 verrà proiettato in prima assoluta “PROGETTO ALBANUS: DENTRO L’ANTICO EMISSARIO”, il documentario di Massimo D’Alessandro, realizzato da A.S.S.O. (organizzazione per la speleologia e l’archeologia subacquea) e Federazione HYPOGEA, che narra l’esplorazione in corso dell’Emissario Albano, una delle più antiche testimonianze romane di ingegneria idraulica.

Il 17 ottobre 2019, nell’ambito della “IX Rassegna del documentario e della comunicazione archeologica“ che si terrà a Licodia Eubea (CT) dal 17 al 20 Ottobre, verrà proiettato in prima assoluta “PROGETTO ALBANUS: DENTRO L’ANTICO EMISSARIO”, il documentario di Massimo D’Alessandro, realizzato da A.S.S.O. (organizzazione per la speleologia e l’archeologia subacquea) e Federazione HYPOGEA, che narra l’esplorazione in corso dell’Emissario Albano, una delle più antiche testimonianze romane di ingegneria idraulica.

Il documentario narra la campagna di esplorazione e documentazione in corso da più di tre anni da parte degli speleologi della Federazione HYPOGEA, all’interno dell’antico emissario Albano.
Lo studio si pone l’obiettivo di realizzare la mappatura topografica completa, l’analisi costruttiva dettagliata e, aspetto non secondario, di acquisire dati sufficienti per valutare un progetto di recupero e valorizzazione che permetta finalmente, dopo più di duemila anni, di restituire alla comunità questa importante opera di ingegneria idraulica antica.

L’emissario del lago Albano, nel comune di Castel Gandolfo, cuore dei Colli Albani, è una delle più antiche testimonianze romane di ingegneria idraulica. Secondo solo alla Cloaca Massima, è una struttura di straordinario valore storico, archeologico e geologico, sino ad oggi scarsamente indagata per le enormi difficoltà esplorative.

L’emissario, lungo quasi un chilometro e mezzo, consentiva il deflusso ottimale e regolabile delle acque del lago Albano, dall’ingresso denominato “incile”, verso l’uscita in località Le Mole di Castel Gandolfo.
Nel 2013 la Federazione Speleologica HYPOGEA, costituita da ASSO, Egeria Centro Ricerche Sotterranee e Roma Sotterranea, tre dei maggiori gruppi speleologici romani specializzati in esplorazione e documentazione di antiche cavità artificiali, decide di affrontare per la prima volta in modo sistematico e con tecniche avanzate l’esplorazione completa dell’emissario del lago Albano.

Maggiori info:
IX Rassegna del documentario e della comunicazione archeologicaA.S.S.O.
Federazione HYPOGEA
Programma completo della Rassegna
Il PROGETTO ALBANUS

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.