Simposio Varenna 2017 – Primi risultati

Dal 29 aprile al 1° maggio si è svolto il 3° Simposio internazionale di speleologia a Varenna (Lecco).
I contenuti sono stati molto interessanti.
Ora stiamo lavorando per produrre gli Atti, che vorremmo fossero disponibili per il raduno di Finale Ligure.
Gli atti saranno ovviamente in inglese, ma ci teniamo a trasmettere la sintesi anche in italiano, per cercare di contribuire alla crescita scientifica e culturale degli speleologi. Vorrei perciò piano piano condividere con tutti gli speleologi italiani qualche informazione.
Comincio allegando il riassunto in italiano di un bel lavoro presentato da Sophie Verheyden, ricercatrice belga nonché socia di un gruppo speleologico (CSARI) che ha effettuato grandi esplorazioni anche in Italia, soprattutto in Grigna, negli anni ’90.
Il lavoro è relativo alla datazione di strutture artificiali realizzate dai Neanderthal all’interno di una grotta francese.
Alla fine del riassunto allego anche la traduzione in italiano di una frase contenuta nelle conclusioni del lavoro, che è una raccomandazione agli esploratori affinché tengano gli occhi ben aperti ed il cervello collegato quando esplorano grotte nuove di potenziale interesse archeologico.

Graziano Ferrari

A nome di Scintilena, ringrazio Graziano Ferrari per la traduzione e la ripubblicazione. Con Scintilena cercheremo di pubblicare tutti gli atti tradotti, raccolti nella categoria “Varenna 2017″ e di dare massima visibilità all’importante lavoro svolto.
Andrea Scatolini

Contributi tradotti:
Speleotemi come marcatori cronologici – la grotta Bruniquel

La valutazione delle tipologie di grotte mediante l’analisi frattale

LINEE GUIDA PER IL RILIEVO E LA DOCUMENTAZIONE SPELEOLOGICA CON L’UTILIZZO DI LASER-SCANNER 3D: PRATICHE OTTIMALI

CAVE SURVEYING IN 2017

CALCULATING THE SIZE AND VOLUMES OF THE WORLD’S LARGEST CAVE CHAMBERS


GLI SCIAMI DI SPELEOLOGI: UN NUOVO APPROCCIO AL RILIEVO SPELEOLOGICO

NUOVE FRONTIERE DEL RILIEVO – Nuovo zaino rivelatore Pegasus

LA DIFFICILE TRANSIZIONE VERSO UNA DOCUMENTAZIONE SPELEOLOGICA ELETTRONICA

Leave a Response