Venerdì sera Marco Corvi (Corvo), Alessandro Rinaldi (Alex) ed io saliamo in Grigna. Alle 23.30 siamo sulla cresta della Piancaformia all’entrata di W Le Donne ed entriamo. Questa volta siamo leggeri e in 3 ore e mezza siamo al campo base di -900m pronti per una rapida dormita.
Dopo 4 ore suona la sveglia e ci alziamo partendo alla volta di Puciowskj (-1050m), dove arriviamo dopo circa un’ora e mezza grazie ai sacchi leggeri. Indossiamo la stagna e via nell’acqua. Proseguiamo nei freatici di -1100m e andiamo prima in quelli di sinistra, dove facciamo il rilievo dal sifone fino al possibile scarico di svuotamento del sifone per il progetto di svuotamento del sifone con pompa. Terminato il rilievo andiamo nei Freatici di Destra. Mentre Alex va a recuperare la mazzetta alla frana nell’altro ramo, Corvo ed io iniziamo il rilievo del ramo trovato da Renzo e Mauri 2 anni fa. Il tratto da rilevare è di circa 30m ma molto ostico… stretto e con la stagna addosso è un supplizio. Finalmente si arriva alla strettoia finale, giustamente condita da una pozza d’acqua di 60cm nella posizione giusta per farti gelare i piedi mentre martelli. Dopo neanche 10 minuti superiamo la strettoia. La via prosegue con un cunicolo scomodo e giungiamo ad un’ennesima strettoia. Dopo un po’ di smazzettamenti su un sassone Corvo passa. Alex ed io continuiamo a smazzettare e non ci infiliamo perché rischieremmo solo di romperci le mute stagne. Intanto Corvo va avanti per una decina di metri. Da un lato c’è un cunicolo fangoso lungo circa 20m in discesa mentre dall’altro lato un pozzo di circa 20m. Si sente un forte rumore di torrente…. La partenza del pozzo è a circa -1105m (-1135m dall’ingresso del P30) e verificati i dati del rilievo, possiamo dire con certezza che non è il fondo del Ramo del Cobra….è fatta! Abbiamo trovato la seconda via che va al fondo di WlD! L’altra, ancora ferma su pozzo di 20m, è oltre il sifone e dunque raggiungibile solo con bombole o pompa…
Risaliamo rapidi al campo base di -900m contenti per la nuova esplorazione. Qui incontriamo Renzo, Carletto e Alessandro di Trento che stanno per andare a dormire.
Un’altra rapida dormita di 5 ore e noi tre usciamo verso l’esterno. Alle 13 di domenica, dopo 9 ore di risalita siamo fuori! In uscita abbiamo ripulito da tutti i rifiuti presenti (al campo base vi erano un sacco di paste ormai scadute) e portato fuori circa 10 kg di carburo. Rimangono ora da recuperare solo alcune corde marce al vecchio campo base e a Utopia e il saccone dello scarburo delle esplorazioni storiche ad Utopia.
Nel prossimo campo sicuramente scenderemo la nuova via…. sognando gli 8km che ci separano da Fiumelatte!!!
Purtroppo il ramo a -1100m prima del pozzo è davvero stretto e al limite con la stagna addosso. È da valutare se posizionare un campo base nei freatici di -1100m perché ormai le esplorazioni sono veramente lontane dal campo base 1…
Ciao
Andrea Maconi
INGRIGNA!

Il sifone di -1100m

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.