Comunicato n. 2 ore 10,30 del 2 luglio 2010
“CUCCO 2010”
Esercitazione di Soccorso Speleologico

E’ entrata nel vivo l’esercitazione nazionale di soccorso speleologico denominata Cucco 2010.
Alle 22 di ieri sera i primi volontari sono entrati nella grotta con l’incarico di stendere la linea telefonica. In poco più di 4 ore hanno raggiunto il luogo dove è stato deciso di simulare l’incidente e da dove comincerà il recupero del finto ferito, a 562 metri di profondità.
Campo CNSAS CUCCO 2010
Durante la notte è entrata una seconda squadra composta da tecnici disostruttori del CNSAS con il compito di mettere in sicurezza alcuni passaggi della grotta per facilitare il transito della barella.
Terminato il lavoro di bonifica – tempo previsto circa 4 ore – entrerà la prima squadra attrezzisti che si occuperà di predisporre gli ancoraggi per le manovre di corda necessarie al recupero.
Alle dieci di questa mattina è prevista una conferenza stampa durante la quale saranno illustrate le finalità e lo svolgimento di tutte le operazioni.
camera iperbarica CNSAS
L’ingegner Branchini, della ditta GSE di Trieste, spiegherà inoltre ai presenti l’utilizzo di una camera iperbarica recentemente acquistata, con il contributo della Protezione Civile, dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico per interventi in cavità allagate.
Camera iperbarica CNSAS

Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico Commissione Comunicazione Documentazione
Responsabile
Roberto Carminucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.