Sono stufo di sentire sui telegiornali di morti in incidenti in montagna. La montagna è pericolosa, i soccorsi costano, gli alpinisti sono degli irresponsabili, è necessario chiudere le vie agli inesperti. Tutte cazzate, messe su chissa da chi e chissà perchè. Io odio il mare ombrellonato, generalmente odio ungermi di crema protettiva per resistere al sole e cercare di abbronzarmi. Odio la stupidità della gente che crede di stare bene arroventandosi fin sotto i piedi in mezzo a pance lardose, seni smunti di vecchie inguardabili, orde di bimbi rompiballe, schiamazzi dell’idiota con lo stereo a palla ecc. ecc. ecc.
Per carità, oggi ferragosto statevene tutti in spiaggia, ma state attenti, che se in montagna ogni tanto muore qualcuno e lo dicono su tutti i telegiornali, al mare e al fiume a fare allegramente il bagno si muore anche di più e meglio. C’è anche chi muore sotto il sole.
Ho fatto una piccola ricerca con google news, incompleta, ma la dice lunga:

Annegati:
15 agosto: Albanese a pescare sul fiume Chienti
14 agosto: Pescatore dilettante a Sant’Antioco
13 agosto: Cadavere senza nome al Trasimeno
12 agosto: cadavere senza nome ad Arona
11 agosto: Boliviano annegato sul Serio
11 agosto: Artigiano di Merate annegato in Thailandia
10 agosto: A Sorrento si rovescia pedalò, muore pensionato
10 agosto: Tre annegati in tre giorni sul Garda
7 agosto: Turista Olandese muore sotto gli occhi dei bagnanti
7 agosto: 18enne tedesco annega a Melide
7 agosto: Muore annegato mentre pesca a Castiglion della Pescaia
6 agosto: Ucraino si tuffa per festeggiare ma annega
6 agosto: Si tuffa nel Panaro e muore
5 agosto: Turista giapponese vuole filmare Venezia e muore annegato

ecc… mi sono rotto i coglioni, avete rotto i coglioni!!!! La montagna non è pericolosa, non rompeteci i coglioni!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.