Al confine tra Slovenia e Italia, più di mille metri di profondità per l’ennesima esplorazione del sottosuolo sul Monte Canin: gli speleologi sloveni raggiungono 1167 metri di profondità e la grotta prosegue. E’ il secondo -1000 scoperto in un mese sul Canin.

A metà dello scorso Ottobre, dopo una permanenza di quattro giorni nel sottosuolo dell’abisso Skalarjevo Brezno, il gruppo di speleologi sloveni del club Jamar Novo mesto e Jamar club Brezice è tornato in superficie.
L’esplorazione è stata interrotta alla profondità di 1167 metri per mancanza di corde, attrezzatura e tempo. E’ l’undicesima grotta che supera i -1000 metri della Slovenia, 10 delle quali a Rombon e Kanin.
Gli speleologi a Luglio 2021 avevano trovato una prosecuzione a -850 metri, sul fondo del Pozzo Rolling Stones che è una grande verticale di 293 metri con pietre instabili. 10 metri sopra il fondo del pozzo hanno notato una finestra che li ha condotti verso passaggi fossili, fino alla profondità di 936 metri. A -990 metri hanno allestito un bivacco e hanno continuato l’esplorazione.
Ad una profondità di 970 metri hanno trovato gallerie e ambienti di dimensioni enormi che continuano in diverse direzioni. Secondo i calcoli, potrebbero portare al vecchio fondo dell’abisso a 911 metri di profondità. “La grotta continua in molte direzioni, quindi c’è molto lavoro da fare”.


Sotto la superficie della Slovenia sono nascoste più di 14’000 grotte, 11 delle quali sono più profonde di 1000 metri.
L’ultimo “menomille” è l’abisso di Skalarjevega sul Monte Canin al confine con l’Italia, subito dopo la recente scoperta dell’altro -1000 all’Abisso del Dinosauro Addormentato.

Gli speleologi del Club Jamar Novo mesto e Jamar club Brežice hanno seguito il vento ipogeo e hanno sfondato il confine magico, ma ciò che è più bello per gli esploratori del sottosuolo è che la grotta non gli ha ancora rivelato tutto.
Samo Morel (Società Speleologica Dimnice) e Tone Oberstar (Società di ricerca speleologica di Ribnica) hanno scoperto l’Abisso Skalarjevega sul Kanin nel 1985, nel 1989 scesero ad una profondità di 911 metri, e per qualche tempo la grotta fu considerata la più profonda della Jugoslavia.
Poiché si apre ad un’altitudine di 2328 metri, il potenziale di profondità è grande, in passato è stato tentato più volte di raggiungere zone molto profonde, ma il sottosuolo è sempre pieno di pericoli.
“C’è un’enorme frana su questo vecchio fondo. Nel 1996 gli speleologi russi stavano cercando una prosecuzione, ma si sono arresi perché stava per accadere un incidente. Tuttavia, gli esploratori successivi hanno poi trovato un’altra strada nel cosiddetto “pozzo dei Rolling Stones”, poiché le rocce rotolavano nelle profondità. Il pozzo misura ben 293 metri e si trova a una profondità di 850 metri”, afferma Klemen Mihali?.

Seguirono alcune campagne esplorative e nel luglio di quest’anno, a una decina di metri dal fondo del pozzo dei Rolling Stones, videro una “finestra” che poteva portare ancora più in profondità: “anche la corrente d’aria era forte, quindi eravamo convinti di poter scopri ancora molto”, spiega Mihali?. A Luglio, a causa di mancanza di attrezzature, l’esplorazione terminò a una profondità di 936 metri.

Bivacco a 990 metri sotto terra
Ad Ottobre 2021 è stata lanciata una nuova campagna esplorativa sul Kanin, ormai innevato. La squadra di punta era composta da Anže Tomši?, Yuri Schwartz, Klemen Mihali? e Jure Ti?ar, mentre il gruppo di supporto includeva Mitja Remih, Mihael Rukše (che ha studiato l’abisso nel 1988), Damijan Šinigoj e Damijan Potrpin, e anche Zdravko ha aiutato la squadra in superficie. Bucar e Robi Maren.
Sono stati in grado di scendere fino a una profondità di 990 metri, dove hanno allestito un bivacco.
Hanno trascorso quattro giorni negli inferi. La temperatura nella grotta era di circa due gradi.
A una profondità di 970 metri, hanno scoperto una rete di gallerie, cunicoli di dimensioni straordinarie che si susseguono in più direzioni.
Secondo le misurazioni, in uno dei tunnel potremmo avvicinarci alle vecchie parti dell’abisso di Skalarjevo Brezno a una profondità di 911 metri.

La speleologia è spesso un lavoro estremamente difficile, poiché molte gallerie devono essere disostruite e le strettoie allargate per scoprire nuove prosecuzioni, ma questa volta non c’era niente di peggio, dice Jure Ti?ar. “Abbiamo trovato alcuni tunnel fossili più vecchi, all’inizio di un meandro che era veramente stretto. Poi, abbiamo scoperto gallerie e sale davvero enormi. In mezzo, sono stati attraversati abissi con fiumi sotterranei.
Le faglie sono ben visibili nella grotta, e in queste sale sono presenti anche sedimenti depositati dall’acqua in un lontano passato.
Oggi le falde acquifere non raggiungono più queste gallerie, perchè l’acqua ha inciso la roccia e scorre molto più in basso, e anche perchè c’è stato l’innalzamento delle Alpi. In media, il Monte Kanin cresce di un millimetro all’anno e, a causa dell’attività tettonica, sono freequenti anche i terremoti. Dalla zona dove abbiamo allestito il bivacco, le gallerie scendono con una pendenza di circa 27° verso sud-est, caratteristica delle intrusioni degli strati rocciosi sul Kanin. Il calcare del Dachstein si deposita sulle dolomie del Triassico, che però rappresentano una barriera idrologica, e a questa profondità iniziano a formarsi sistemi orizzontali. Probabilmente abbiamo raggiunto quel limite. Speriamo che questi tunnel più orizzontali conducano al sistema Mala Boka – BC4. La distanza è ancora piuttosto considerevole “, afferma Ti?ar, un dottore in geografia impiegato presso l’Istituto geografico Anton Melik della ZRC SAZU.

Kanin – come il formaggio svizzero
Il monte Kanin con i suoi dintorni è famoso tra escursionisti e sciatori, così come tra gli speleologi, poiché è come il formaggio svizzero. “Si tratta di un’area carsica di alta montagna unica al mondo. Il Kanin è costituito da un enorme pacchetto di rocce carbonatiche, spesse 2600 metri.
Il carsismo può svilupparsi alla perfezione qui. Il carso di alta montagna è caratterizzato da profondi abissi scavati dall’acqua.
Nell’Abisso Skalarjevega, è interessante notare che tutti i pozzi interni sono grandi e ce ne sono molti nel sistema, da cui possiamo concludere che questo era uno dei più importanti sistemi di drenaggio dalla superficie un tempo ghiacciata. Anche le piogge abbondanti hanno un grande impatto, poiché in media qui cadono più di 3000 mm di pioggia all’anno. Tuttavia, queste grotte di alta montagna sono piuttosto fredde, le temperature vanno da zero a due, forse tre gradi.

Le grotte del Kanin colpiscono per le loro dimensioni. “Kanin è un’area che chiunque sia chiamato da grandi e profondi sistemi di grotte vuole”, sottolinea Yuri Schwartz, un russo che attualmente vive in Svezia. “Sono stato felice di far parte di questa ricerca. La pandemia ci ha fermato un po’ negli ultimi due anni, quindi a luglio abbiamo trovato una promettente prosecuzione”. Altre spedizioni con altri speleologi sloveni.

“Sono già stato in caverne più profonde, eppure non è molto comune essere coinvolti nella semplice scoperta di parti quando si mira a più di mille metri di profondità. Siamo lontani dalla fine”, afferma Schwartz, che ha effettuato ricerche per la prima volta in Kanin nel 2014, ora alla sua quinta spedizione. “Ci sono due ragioni per cui mi piace così tanto fare ricerca in Slovenia. La prima ragione sono le persone. Questi sono i miei ottimi amici, ora sono anche membro del club delle grotte di Novo mesto. La seconda è l’unicità del carso sloveno. Il Monte Kanin è unico dal punto di vista geologico e climatico, è perfetto per la formazione di grotte profonde. La Slovenia è un vero paradiso delle caverne”, sottolinea.

Sul Kanin si stanno riversando molte precipitazioni, le forti piogge possono essere estremamente pericolose, sottolinea Klemen Mihali?: “L’acqua può sorprendere gli speleologi. In una delle spedizioni precedenti, stavamo appena tornando in superficie, c’era sempre un po’ di gocciolamento, e poi una cascata ha iniziato a riversarsi su di noi. Fuori c’era un forte temporale. Jure è arrivato in cima, Yuri e lo speleologo Mateja Kopina erano da qualche parte nel mezzo, io ero l’ultimo. Siamo stati fortunati ad essere già così vicini all’uscita, eravamo fradici fino all’osso. Se entriamo nella grotta, può verificarsi ipotermia, quando l’aria è satura di umidità, è anche più difficile respirare “.

Una notte insonne per l’eccitazione
In un ambiente così estremo, è particolarmente importante che tu non sopravvaluti le tue capacità e che ti fidi dei tuoi compagni. “Devi assicurarti di avere sempre abbastanza energia per non esagerare. Una buona attrezzatura è essenziale per cambiarsi con vestiti asciutti in modo da non prendere freddo. Questa volta siamo stati abbastanza fortunati con il bivacco. Il fondo era asciutto, non lontano c’era l’acqua corrente, che usavamo per cucinare, così abbiamo chiamato la zona “Hotel California”. Tuttavia, siamo stati spesso in luoghi dove non è così piacevole, dove c’è solo fango “, spiega Mihali?, che è spinto ad esplorare le grotte principalmente da una curiosità innata. “Fa parte di me, ho bisogno di questa ricerca. Ora mi sto già chiedendo dove andremo dopo. Non sono riuscito a dormire nella grotta la scorsa notte a causa dell’eccitazione di cos’altro scopriremo “.
“Poi c’è la squadra. Andiamo in grotta solo con coloro con cui ci sentiamo al sicuro e bene. Si tratta di fiducia e spirito di squadra, perché solo insieme si può fare e ottenere qualcosa”, continua Mihali?. “È interessante come diventiamo speleologi solo in grotta. Fuori siamo molto diversi, sia per personalità che per professione. Nella grotta eravamo un soldato, due laureati in scienze, un ingegnere, uno scrittore, imprenditori. Veniamo da ambienti diversi, e nella grotta l’ambiente ci pone sullo stesso piano”.

“È un’avventura che non solo vivi. Si crea una fiducia speciale tra le persone, puoi essere completamente dipendente dall’altro. È anche un’attività che richiede un convongimento totale, bisogna arrendersi completamente, non si può pensare ad altro”, aggiunge Ti?ar.

Queste scoperte sono molto rare
“Le grotte sono l’unico posto sul pianeta dove puoi scoprire luoghi dove nessuno è mai stato prima. Non possiamo solo andare nello spazio, anche le profondità del mare sono misteriose», sottolinea Yuri Schwartz, che, come dottore in genetica molecolare, fa ricerca e scoperte principalmente in laboratorio. “Sto bene lì e faccio la maggior parte del lavoro nella mia testa e con i computer, e nelle caverne supero altre sfide. C’è sicuramente una grande attrattiva nel cosiddetto business a rischio controllato. Questo si può trovare, ad esempio, nell’alpinismo e nell’arrampicata, ma si tratta principalmente di sport in cui gli individui vogliono andare ancora più veloci e in modo ancora più impegnativo. In speleologia, cerchiamo sempre di seguire la strada più semplice, poiché è già abbastanza difficile così”.

Gli speleologi della Dolenjska cercheranno di effettuare un’altra campagna quest’anno per esplorare le prosecuzioni rimaste in sospeso, afferma Mihali?: “Dobbiamo essere consapevoli che le grotte sono spesso chiuse, il che ovviamente è necessario per tutti. Ma non troppo, perché è un mix di socializzazione, attività, lavoro. Se fossimo speleologi solo per il gusto dei successi, tutti avrebbero rinunciato molto tempo fa, perché solo ogni tanto si trova una grotta davvero profonda o lunga. ”

Articolo tradotto dall’originale sloveno: https://www.delo.si/magazin/potovanja/vec-kot-tisoc-metrov-globoko/

L’esplorazione è continuata su Kanin nell’abisso di Skalarjevega lo scorso fine settimana. Tre squadre hanno effettuato una serie di ricerche a diverse profondità, hanno effettuato rilevazioni geologiche e di altro genere, è stato rifatto il rilievo delle zone più complicate, un gruppo ha scattato una foto e il team esterno ha effettuato la cura tecnica del filo. La cooperazione intergruppo ha di nuovo prodotto buoni risultati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.