di Riccardo Dall’Acqua
Save the Hole World
Ci giunge dalla Federazione Europea di Speleologia (FSE) una importante notizia per la conservazione degli ambienti ipogei.
E’ stata presentata alla Commissione Ambiente del Parlamento Europeo una dichiarazione scritta, denominata WD66, sulla protezione delle grotte in quanto parte del patrimonio culturale, naturale e ambientale.
Nella WD66 si invita la Commissione ad attuare un’efficace protezione delle aree carsiche e delle grotte, integrata in tutte le politiche comunitarie, creando un quadro legislativo e proponendo incentivi per la loro conservazione e studio, dove gli speleologi vengono individuati come soggetti esperti del settore.
Questa dichiarazione dovrà essere sottoscritta da almeno metà degli eurodeputati per poter essere messa all’ordine del giorno nella Commissione.
La FSE sta attuando alcune iniziative a supporto della WD66, tra cui l’attivazione di tutte le Federazioni e Società Speleologiche dei paesi europei e la realizzazione di una conferenza e uno stand informativo dal 10 al 13 novembre nella sede del Parlamento a Bruxelles. Il sito internet www.cavedeclaration.eu dove campeggia il significativo titolo “save the hole world !” è ricco di informazioni e materiale scaricabile.
La SSI da parte sua ha indirizzato ai deputati italiani una lettera di sensibilizzazione sull’argomento e predisposto per lo stand la presenza del prof. Paolo Forti e di un video realizzato da Antonio Danieli e Sandro Sedran della FS Veneta. (presto on line su scintilena n.d.r.)
Per questa significativa partecipazione, durante lo scorso raduno di Imagna sono stati presi accordi tra la responsabile della Commissione Ambiente della FSE, Christiane Grebe e la Presidenza e Commissione Relazioni Internazionali della SSI, con la collaborazione del Centro di Documentazione Speleologica di Bologna.

Invitiamo gli speleologi ed i gruppi a sostenere questa iniziativa che scadrà il 4 dicembre prossimo; visitate il sito www.ssi.speleo.it/estero e www.cavedeclaration.eu per avere maggiori dettagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.