Senza possibilitá di errore é il titolo del Film del CNSAS che verrà proiettato in anteprima al Trento Film Festival.

CNSAS senza possibilità di Errore locandina Film
Senza possibilità di errore

Il trailer del docufilm ‘Senza possibilità di errore’ sta giá ottenendo migliaia di visualizzazioni sulla Pagina facebook del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico ed é attesissima la prima il 29 aprile alle ore 17.00 al Supercinema Vittoria, dove sarà in concorso nella sezione Alp&ism.
‘Senza Possibilitá di errore’ sará proiettato in replica il 4 Maggio alle ore 15.00 al Multisala Modena sempre all’interno del Trento Film Festival.
Il film ‘Senza possibilitá di errore’ é stato girato in quasi due anni e racconta la grande dedizione che ogni volontario dedica al Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico CNSAS.

«Ciò che mi ha colpito particolarmente di questi uomini – racconta il regista Mario Barberi – è la grande professionalità con la quale si preparano, nulla è lasciato al caso perché sanno che basta un piccolo, fatale errore per mandare tutto all’aria.»

Il film «Senza possibilità di errore» è raccontato da un personaggio molto noto nel mondo della montagna, Marco Albino Ferrari direttore di Meridiani Montagna e scrittore di successo.
Il CNSAS Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico ha partrocinato il film, realizzato anche con il contributo economico di Montura.

La trama del film
Marco Albino Ferrari sospeso nel limbo di una sala d’attesa del Pronto Soccorso, si ritrova ad essere spettatore di un dramma.
Da questo non luogo nel quale la vita è scandita dall’aprirsi e chiudersi della porta dei codici rossi, M.A. Ferrari ci guida alla scoperta dell’attività e dell’organizzazione del CNSAS, attraverso la viva voce dei protagonisti e fedeli ricostruzioni di interventi al limite del possibile.
La centrale operativa dove vengono smistate le chiamate e organizzati i primi soccorsi, le unità cinofile, le unità speleologiche e speleosub, i soccorsi in parete e in ghiacciaio sono solo alcuni dei capitoli che compongono quest’opera.
Il finale sul quale scorrono i titoli di coda è un omaggio alle vittime di Rigopiano con immagini inedite realizzate durante le drammatiche ricerche.
Il film è dedicato a tutti i soccorritori che hanno perso la vita durante un intervento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.