SPELEO RIFLESSIONI..

Di

Dic 12, 2015

SUCCEDEVA UN ANNO FA….
ABISSO ROVERSI:QUELLA CONDANNA CHE TARDA AD ARRIVARE Certo che si può essere amici o nemici degli speleomannari, oppure si può condividere o meno l’esplorazione di Pedrali al sifone terminale della grotta, ma non si può tacere sullo spregevole gesto, che speleologi come noi, che condividono le nostre stesse passioni, hanno subito durante i giorni dell’immersione, mi riferisco al furto delle corde e alla manomissione degli armi che sono avvenuti nottettempo all’abisso Roversi. Mi sarei aspettato una posizione di condanna da parte della federazione toscana, anche dall’SSi e dal CAI. Un gesto di fermezza, che prenda le distanze da “certa” speleologia indipendentemente da antipatie personali, sia federato o non federato, socio o non socio.. Noi crediamo che la condanna di gesti simili a quelli che sono successi al Roversi devono essere presi indipendentemente dall’appartenenza a quella o a questa organizzazione, perchè condannare il gesto significa dire “IO NO” e rappresenta un momento di maturità e crescita della spelologia italiana, che sa dialogare con tutte le realtà ed esprime solidarietà invece che indifferenza. Chi ruba corde o manomette armi con lo scopo di intimorire o ostacolere gruppi rivali va condannato senza se e senza ma, il silenzio inaspettato che speriamo sia dovuto al tempo necessario alla riflessione non si trasformi in un “ben gli sta”.
GLI SPELEOMANNARI.

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.