Responsabile: Antonio Danieli
Progetto iniziato nel 2002 e tuttora in corso

Il progetto consiste nella produzione e diffusione di una collana di documentari fotografici sulle principali aree carsiche del Veneto.
I documentari sono realizzati utilizzando la tecnica di ripresa stereoscopica (tridimensionale o 3D). La fruizione di detti documentari prevede l’uso di occhialini polarizzati e di specifici sistemi di proiezione predisposti per il 3D.
Obiettivo del progetto:
– fornire un affascinate mezzo di comunicazione ai gruppi speleo federati ed eventualmente, ad Enti e strutture legate alla salvaguardia dell’ambiente.
– contribuire alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica, sull’importanza strategica e socio culturale delle aree carsiche e, nello specifico, sulla necessità di proteggere i sistemi idrici presenti in tali aree.
Documentari stereoscopici già realizzati:
1. L’acqua che berremo – multivisione dedicata al “ciclo dell’acqua”, con particolare attenzione verso l’acqua carsica e l’attività svolta dagli speleologi nello svelarne i flussi nascosti.
2. Conglomerato – multivisione dedicato all’area e le grotte del Montello (TV).
3. Le aree carsiche del Veneto – installazione interattiva con 6 brevi multivisioni sulle principali aree carsiche del Veneto.
4. Contrasto (meraviglia e vergogna) – multivisione di forte impatto emotivo che gioca sul contrasto generato da splendide immagini ipogee contrapposte a quelle di una discarica in grotta.
5. 14 passi dal sogno – multivisione in cui viene raccontata, attraverso la voce dei diretti interessati, la storia delle esplorazioni nel Buso della Rana e nella Pisatela a Monte di Malo.
6. Buio pesto in 3D – multivisione ad uso didattico, tratta dall’omonima pubblicazione di Alfredo Campagnoli ed Ettore Sbaffi, ampliato con immagini stereoscopiche ed adattato in forma di presentazione.
7. Cuba (l’altra dimensione) – multivisione con inserti video 3D, frutto di una campagna di spedizioni realizzate dal Gruppo Speleologico San Marco in collaborazione con la Società Speleologica Italiana e la Sociedad Espeleologica de Cuba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.