Dopo 16 anni di presepi e tradizionali Messe in grotta, finalmente si è spezzata questa triste dimostrazione di ignoranza ambientale a San Marco in Lamis, dove ogni 26 dicembre veniva celebrata la Messa di Natale, tra stalattiti e stalagmiti nella suggestiva cornice della grotta di Montenero situata nel bosco della Difesa di San Matteo.

Fonte www.sanmarcoinlamis.eu

Chi se ne frega dei pipistrelli che rassomigliano così tanto al diavolo, avranno detto i fedeli devoti ossequianti, la Terra è nostra, ce l’ha detto Dio; Adamo ed Eva possono fare tutto quello che vogliono della natura, piante e animali sono al servizio dell’uomo, basta non toccare le mele.
Se sulla Bibbia nelle traduzioni tra una lingua e l’altra qualche monaco ambientalista avesse scritto che oltre alle mele bisognava rispettare pure i pipistrelli e tutti gli altri animali e piante, avremmo avuto parecchi pipistrelli in più, parecchi veleni antizanzare in meno e l’ambiente avrebbe giovato della lungimiranza di una Divinità Ambientalista.

Purtroppo la nostra religione se ne frega dell’ambiente, sui dieci comandamenti non c’è scritto “non inquinare” o “lascia come hai trovato” e “la Terra è l’unico posto dove puoi abitare, non lo sputtanare”.

Comunque, dopo 16 anni, a San Giovanni in Lamis l’Ente Parco fa il suo lavoro e vieta la Messa in grotta nel periodo di riproduzione dei pipistrelli, annullando la Messa di oggi.

Complimenti, guadagnate 100 punti. Premio Scintilena d’Argento 2012 al Parco di San Marco in Lamis.

Adesso aspettiamo che anche tutti gli altri Parchi seguino questa strada, a partire da Frasassi, dove anche quest’anno, alla Grotta della Beata Vergine di Frasassi, si fa il Presepe Vivente, e li di pipistrelli che svernano ce ne sono milioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.