Secondo la leggenda, il Pozzo di Barhut nell’est del paese è infestato da spiriti maligni. Gli esploratori sono scesi con le corde per la prima volta a 110 metri di profondità sul fondo della grotta.

Pozzo dell'inferno o fontana di Barhut
Il Pozzo dell'inferno è un misterioso buco circolare nel deserto, dimora di spiriti malvagi e portatore di sventura

Spedizione al “Pozzo dell’Inferno”: esperti dell’Oman hanno esplorato per la prima volta il pavimento di una leggendaria grotta nello Yemen.
Il Pozzo di Barhout, meglio conosciuto come il “Pozzo dell’Inferno”, è una dolina naturale nello Yemen, così famigerata che intorno ad essa sono state create leggende mitiche. Il suo soprannome è dovuto alla convinzione che sia una prigione per i djinn, spiriti della natura del folklore mediorientale, creati dal fuoco senza fumo, sarebbero visibili alle persone solo in casi eccezionali.

Alla profondità di circa 110 metri, tuttavia, gli esploratori hanno incontrato solo serpenti, uccelli morti e perle di grotta grigie e verdi, create dal gocciolamento dell’acqua, formazioni abbastanza comuni nelle grotte di tutto il mondo e comunemente note con il termine di pisoliti. Non è stato rilevato alcun segno di fenomeni soprannaturali.
Il professore di geologia Mohammed al-Kindi he dichiarato che “C’erano serpenti, ma non ti fanno niente finché non li disturbi”.

veduta aerea del pozzo dell'inferno
Una vista aerea del Pozzo di Barhout, noto come "Il Pozzo dell'inferno" nel deserto dello Yemen,

Al-Kindi è stato uno degli otto speleologi che si sono calati con la corda sul fondo della grotta nel mese di settembre scorso. Gli studiosi hanno raccolto campioni di acqua, roccia e suolo, oltre a diversi animali morti.
A breve dovrebbe essere pubblicata una valutazione dei reperti trovati, ha annunciato al-Kindi, che insegna presso l’Università tedesca di tecnologia di Muscat, un’università privata che collabora con RWTH Aachen.
La spedizione è stata portata a termine dall’Oman Cave Exploration Team (OCET), un gruppo di otto speleologi esperti.

Il Pozzo di Barhut si trova nel deserto della provincia di Al-Mahra, nello Yemen orientale. Per secoli intorno al misterioso buco di 30 metri di diametro si sono intrecciati miti e leggende. Molti abitanti della regione credono che il luogo porti sfortuna.

Secondo i geologi, il buco ha centinaia di milioni di anni. Fino ad ora, gli esperti erano penetrati solo a una profondità di circa 60 metri. Hanno poi riferito di “cose strane” e “odori strani”. L’attuale spedizione fornisce una spiegazione, almeno per gli odori: “C’erano uccelli morti che emanano un cattivo odore, ma non c’erano gas nocivi”, ha detto al-Kindi.

Fonti:
www.spiegel.de
www.iflscience.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.