Si sono svolti in Veneto, nel lago di Castel di Godego (VI) le selezioni per gli aspiranti speleosubacquei del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico. Inizialmente la Commissione Subacquea Nazionale e la Scuola dei tecnici del Soccorso alpino e Speleologico avevano pianificato di svolgere la loro attività presso le risorgive di Oliero, nel comune di Valstagna, in provincia di Vicenza. A causa delle avverse condizioni metereologiche il sito prescelto per svolgere le suddette operazioni è stato invece quello presso il lago del Castel di Godego in provincia di Vicenza, in quanto le risorgive non presentavano le necessarie condizioni di sicurezza, in particolar modo per poter espletare le formalità della verifica d’ingresso degli aspiranti ad entrare in commissione subacquea. La Commissione subacquea a operato con due squadre di tecnici per realizzare la sagolatura di un sifone di circa 300 metri ad una profondità media di 20m, adottando tutte le misure di sicurezza per i candidati che si preparavano ad affontare le prove. Dopo due giorni di verifiche i 5 istruttori nazionali hanno valutato con esito positivo i 5 aspiranti i quali ora dovranno percorrere l’iter previsto dal piano formativo per diventare tecnico della Comsub.

Tutta la notizia e un video su:
http://www.cnsas.it/2017/01/16/3587/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.