In Slovenia nascono 12 protei, i baby drago allevati nelle Grotte di Postumia

http://video.huffingtonpost.it/culture/in-slovenia-nascono-12-protei-i-baby-drago-allevati-nelle-grotte-di-postumia/9003/8991

Nelle grotte slovene di Postumia continua il “miracolo” della schiusa di uova di “baby-drago”. Nuove immagini e un nuovo video documentano la nascita di altri 12 esemplari di proteo, conosciuti come “piccoli draghi” perché nel loro corpo affusolato, a metà fra l’anguilla e la lucertola, spicca il ciuffo rosso delle branchie intorno al collo. Ripresa da telecamera a infrarosso per la prima volta, la schiusa delle uova che sta avendo luogo nelle grotte slovene è una rarità.

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Aggrega

Questo weekend tutti giù in Lessinia!

2 settembre 2016a5 settembre 2016

Dal 2 al 4 Settembre, a Velo Veronese, si terrà “Tutti giù in Lessinia”, il raduno speleologico regionale veneto.
programma ricco di eventi, interessante come ogni angolo della Lessinia.

Programma ufficiale:

Venerdì 2 Settembre

– Ore 16.00 Apertura manifestazione Piazza della Vittoria a cura della Commissione Speleologica Veronese e della Pro Loco di Velo Veronese: saluto delle Autorità e presentazione dell’evento. Apertura campeggio, stand C.S.V., mostre fotografiche e attività varie.
– Ore 17.00 Tavola Rotonda: Teatro Parrocchiale a cura della Commissione Speleologica Veronese e della Pro Loco di Velo Veronese; nuove proposte di gestione e tutela del territorio carsico alla presenza degli amministratori locali, discussione con moderatore. A cura della Commissione Speleologica Veronese e della Pro Loco di Velo Veronese;
Ingresso libero.
– Ore 17.30 Sala dei Centomila: Le cavità artificiali e l’archeologia del sottosuolo in Lessinia. A cura di Daniela Peretti Ingresso libero.
– Ore 18.30 Teatro Parrocchiale- Tra Inferno e Paradiso, tra il Qui e l’Altrove: il mondo delle grotte nell’immaginario dei montanari di Velo dai racconti di Attilio Benetti.
A cura di Michela Canteri
Ingresso libero.
– Ore 18.30 Aperitivo speleo e apertura cucina.
– Ore 21.00 Teatro Parrocchiale “FILM FESTIVAL DELLA LESSINIA”: il meglio della XXII edizione. In occasione di “Tutti giu? in Lessinia, manifestazione regionale in programma a Velo Veronese, il Film Festival della Lessinia presenta una selezione dei film della XXII edizione il cui omaggio tematico 2016 e? il sottosuolo: grotte, miniere, caverne.
Un’ occasione per rivedere alcuni dei film presentati nei dieci giorni del Film Festival della Lessinia di Bosco Chiesanuova dal 19 al 28 agosto 2016.
A cura dell’associazione Le Fali?e di Velo Veronese e Film Festival della Lessinia
Ingresso a pagamento (www.ffdl.it).
– Ore 22.30 Snaeffels in concerto! PalaSpeleo – Piazzale Crosara A cura di Vittorio Bonetti, Marco Chiesa, Riccardo Cecere, Marco Repetto. Gruppo interregionale che si costituisce in occasione delle feste speleo e dei raduni nazionali. La migliore musica italiana di oltre quarant’anni di repertorio: da De Andrè a Dalla, da Guccini e De Gregori, passando per Rino Gaetano, Modena City Ramblers… Ingresso libero.

Sabato 3 Settembre

– Ore 8.00 Partenza escursioni naturalistiche in zone carsiche.
– Ore 9.30 Apertura stand C.S.V., mostre fotografiche e attività varie.
Museo Geopaleontologico e Covolo di Camposilvano Progetto “Diversamente Speleo”
Ritrovo presso il parcheggio della struttura. A cura di Diversamente Speleo Italiana
Ingresso libero e ridotto agli accompagnatori presso il Museo.

Sala dei Centomila – Conferenze e proiezioni: Ingresso libero
– Ore 9.30 Il Catasto grotte della provincia di Verona. A cura di Giorgio Annichini. (G.A.M)
– Ore 10.30 Il Catasto delle grotte del Veneto dall’origine al progetto GIS. A cura di Paolo Mietto.

Teatro Parrocchiale – Conferenze e proiezioni: Ingresso libero
– Ore 9.30 Preta 64. Proiezione a cura di Bruno Pellegrini (G.A.M)
– Ore 10.30 Speleologia: scienza o sport? A cura di Andrea Ceradini. (G.A.S.V.)
– Ore 11.15 L’Isola che non c’è. Proiezione a cura di Andrea Ceradini. (G.A.S.V.)
– Ore 11.30 Aperitivo speleo e apertura cucina.

Sala dei Centomila – Conferenze e proiezioni: Ingresso libero
– Ore 15.00 Indagini Geofisiche in Lessinia Tomografie elettriche (ERT) – SEV SEO La Grotta del Ciabattino e le 5 W della speleologia da bar. A cura di Luciano Marastoni. (G.S. CAI)
– Ore 16.00 Grotte di 35 milioni di anni: nuovi dati sui fenomeni paleocarsici. nelle colline Torricelle a Verona. A cura di Guido Gonzato. (U.S.V.)
– Ore 17.00 Il Continente Buio: il potenziale esplorativo del mondo sotterraneo. A cura di Francesco Sauro
– Ore 18.00 Analisi della qualità degli acquiferi dell’altopiano carbonatico dei Monti Lessini Veronesi e del Monte Baldo Veronese. A cura di Bruno Pellegrini e Annichini Fiorenzo

Teatro Parrocchiale – Conferenze e proiezioni:
– Ore 15.00 Le grotte abitate nel nostro territorio nella preistoria. A cura di Alberto Castagna.
– Ore 16.00 Grotto
Film – Regia di Micol Pallucca. Con Samuele Biscossi, Iris Caporuscio, Gabriele Fiore,
Chiristian Roberto, Leonardo Similaro. Tre bambini sottopongono alla prova iniziatica il loro compagno secchione. Qualcosa però va storto, il ragazzo cade in una voragine misteriosa. I ragazzi non perdono tempo, l’amicizia e l’altruismo portano gli altri bambini a seguire l’amico in difficoltà. In cerca di una via d’uscita dalla grotta, stanchi e dopo numerose peripezie incontrano Grotto, una stalagmite vivente che li aiuterà nell’impresa. Durata 93 min con dibattito finale dei bambini in sala.
Con la presenza straordinaria della regista Micol Pallucca.
A cura della Pro Loco di Velo Veronese.
Ingresso a pagamento e ridotto (www.prolocoveloveronese.it)
– Ore 18.00 Il piacere del buio è per tutti… Diversamente Speleo, quando l’impossibile diventa possibile. A cura di Andrea Scatolini, Mirco Zamperini e Linda Lunardi.
Ingresso Libero
– Ore 18.30 Aperitivo speleo e apertura cucina;
– Ore 21.00 Teatro Parrocchiale “BELGi?CA D’AMORE”:
Spettacolo teatrale – regia di Alessandro Anderloni.
«Nella nostra valigia di cartone c’erano solo pochi vestiti, tanta incertezza ma tanta speranza.» La ricordava cosi? un emigrato di Velo Veronese la sua partenza per il Belgio il 19 novembre 1946. Che il governo li avesse «venduti per un sacco di carbone», come si sarebbe detto anni dopo, o che quella fosse l’unica speranza possibile nell’Italia del primissimo Dopoguerra, partivano per “la Belgica”. Li accoglieva il grigiore di Charleroi, le baracche di lamiera servite per i prigionieri della Seconda Guerra Mondiale, l’asfissiante, polverosa e torrida aria dei pozzi delle miniere di carbone. L’osteria dell’Antonia, anche lei migrante da Velo, diventava cosi? il luogo dove ritrovare il gusto e la lingua di casa. In un’andata e ritorno d’amore: partivano mogli, per rimanere per sempre lassu?, ritornavano mariti, per agonizzare con la silicosi. Poi morirono in 262 nel disastro dell’8 agosto 1956, sessant’anni fa. Le Fali?e tornano in scena con il dodicesimo capitolo del “paese in scena”. Recitata in dialetto veronese. A cura dell’associazione Le Fali?e di Velo Veronese.
Ingresso a pagamento (www.lefalie.it)
– Oe 22.30 PalaSpeleo – Piazzale Crosara
“ZONASISMICA” Combat Rock Band in concerto!
Il covers rock delle migliori note di Bruce Springsteen, Neil Young, Creedence Clearwater Revival, e dei molti altri capisaldi della West Coast anni’70 risuoneranno sul palcoscenico non disdegnando di tanto in tanto qualche cover di cantautori italiani. Ingresso libero.

Domenica 4 Settembre

– Ore 8.00 Partenza escursioni naturalistiche in zone carsiche
– Ore 9.30 Apertura stand C.S.V., mostre fotografiche e attività varie

Sala dei Centomila – Conferenze e proiezioni:
– Ore 9.30 Riunione Commissione Scientifica: Presentazione del progetto “I Troglofili dei Lessini” – Monitoraggio della fauna trogofila e troglossena delle cavità carsiche dei Monti Lessini A cura di Luca Corradi
– Ore 10.30 L’Abisso – Il Film: Film – Regia di Alessandro Anderloni. Soggetto di Francesco Sauro Coproduzione: Federazione Speleologica Veneta Accademia della Lessinia La Spluga della Preta, grotta ad un solo ingresso, sprofonda sotto i pascoli dei Monti Lessini, sulle Prealpi Venete. Dal 1925 al 1953 considerata l’abisso più profondo al mondo, è la grotta che più di ogni altra rappresenta la storia della speleologia esplorativa. Sogni, ideali, truffe, speranze, fatica, hanno scritto la storia della speleologia. Due anni di riprese, 30 discese, 70 speleologi coinvolti fanno di questo film una pietra miliare della filmografia speleologica. Durata 115 min
A cura della Commissione Speleologica Veronese e della Pro Loco di Velo Veronese; Ingresso libero

Teatro Parrocchiale – Conferenze e proiezioni:
– Ore 9.30 Pulizia cavità carsiche. A cura di Giorgio Annichini
– Ore 10.30 Abisso Malga Fossetta. Il primo abisso ad aver raggiunto i 1000 metri di profondità in Veneto. Proiezione a cura del G.G.S.-Schio.
– Ore 11.30 Aperitivo speleo e apertura cucina.

Sala dei Centomila – Conferenze e proiezioni:
– Ore 15.00 Sulle tracce dell’Ursus Speleaus: Gli scavi paleontologici ai Covoli di Velo. A cura di Mario Rossi, Giuseppe Santi e Roberto Zorzin.
– Ore 16.00 Il “Buso del Valon”: studi climatici e faunistici. A cura di Giorgio Annichini, Leonardo Latella e Roberto Zorzin.
– Ore 17.00 Le intrusioni basaltiche nelle grotte lessiniche: nuove scoperte. A cura di Guido Gonzato. (U.S.V.) )
– Ore 18.00 Ponte di Veja – Grotta dell’Orso. Proiezione a cura di Sandro Sedran.

Teatro Parrocchiale – Conferenze e proiezioni:
– Ore 15.00 Draghi, insetti e molecole nelle grotte della Lessinia. A cura di Leonardo Latella.
– Ore 16.00 Robbie Shone
lo speleologo e fotografo si racconta.
Proiezione fotografica con la presenza in sala del noto studioso inglese del National Geographic.
A cura di Francesco Sauro.
– Ore 17.00 Speleologi veronesi nel mondo: La rassegna di cortometraggi sui lavori degli speleologi veronesi in ambito internazionale:
– Le ricerche del Museo Civico di Storia Naturale di Verona nelle grotte del mondo A cura di Leonardo Latella. – Alascai: spedizione glaciale in Alaska A cura del G.S. C.A.I – Speleosubacquea: Squiperise Albania – Cueva y cenate Cuba A cura del G.S. C.A.I – Gli speleologi del G.S.M. – Montecchia alla ricerca di grotte sulle Ande e in Brasile A cura del G.S.M.
– Ore 18.00 PIB, Puliamo il Buio 2015 nel veronese. A cura di Andrea Ceradini.
– Ore 19.00 Chiusura manifestazione e conclusione di tutte le attività: con la dimostrazione sul Campanile del paese del Soccorso Alpino e Speleologico.
– Ore 21.00 Teatro Parrocchiale a cura de “Le Falìe” “Sera i oci, te conto ‘na storia…”:
Spettacolo teatrale – regia di Leonardo Finetto
Testo e musica di Alessandro Anderloni.
Al pianoforte: Giulia Corradi e Thomas Sinigaglia. A vent’anni dal debutto, sessanta bambini e bambine della scuola primaria di Velo Veronese, riportano in scena la prima commedia musicale scritta e composta da Alessandro Anderloni per Le Piccole Fali?e, andata in scena nel teatro di Velo Veronese nel 1996. Ispirata ai racconti dei filo? dei Monti Lessini, raccolti dall’indimenticabile Attilio Benetti, Sera i oci, te conto na storia… e? una fiaba musicale la cui narrazione e? affidata a un travolgente coro di bambini. Si narra cosi? di fade, di orchi, di filo? nelle stalle, di disavventure nelle caverne popolate da esseri misteriosi, del misterioso incontro tra il montanaro e la fada A?issa Ma?issa. Cosi? i bambini si riappropriano dell’antica narrazione, la reinventano, la tramandano al futuro. Recitata in dialetto veronese.
A cura dell’associazione Le Fali?e di Velo Veronese. Ingresso a pagamento (www.lefalie.it)

Workshop per bambini:

Sabato 3 Settembre dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 15.30 – Piazza della Vittoria “Laboratorio dei colori preistorici, della scheggiatura della selce e dell’argilla, dove i ragazzi potranno cimentarsi nelle loro abilità preistoriche” A cura di Alberto Castagna.
Sabato 3 Settembre dalle 15.00 alle 19.00 e Domenica 4 settembre dalle 10.00 alle 19.00 – Piazza della Vittoria “Laboratori ricreativi per bambini con la costruzione di pipistrelli e avventurosa esperienza all’interno della grotta artificiale per provare l’emozione di essere Speleo!” A cura del gruppo speleologico G.S.M. Montecchia.

Sabato 3 Settembre e Domenica 4 settembre dalle 10.00 alle 11.00 – Piazza della Vittoria
Cos’e? una dolina? Proviamo insieme a capire come si forma una dolina da crollo! A cura della dott.ssa Mila Erbisti.
Sabato 3 Settembre e Domenica 4 settembre dalle 15.00 alle 16.00 – Piazza della Vittoria Quali sono gli animaletti che vivono in ambienti cosi? estremi e bui? Proviamo a modellare un piccolo Proteo per imparare a conoscerlo ed a rispettarlo! A cura della dott.ssa Mila Erbisti.

Progetto “Diversamente Speleo”

Sabato 3 Settembre – Museo Geopaleontologico e Covolo di Camposilvano dalle 9.30 per tutta la mattinata
(Via Covolo n.1 – Loc. Camposilvano 37030 Velo Veronese)
Il progetto “Diversamente Speleo” nasce dalla considerazione che la volonta? personale e la capacita? di realizzare i propri sogni, siano considerazioni fondamentali per ogni essere umano.
Il progetto fa provare alle persone diversamente abili cosa significa fare lo speleologo, quindi mostra a queste persone le bellezze naturali degli ambienti carsici.
Uno scambio: gli speleologi mettono a disposizione di queste persone conoscenza, tecniche, braccia e gambe per accompagnarli ed attrezzatura vara, viceversa le persone accompagnate regalano ai volontari sorrisi ed emozioni sincere, che e? quello che manca a noi oggi.
Info su: http://www.diversamentespeleo.org e pagina Facebook: Diversamente Speleo Velo Veronese
A cura di Roberta Monduzzi (335 674 2082) e Diego Lonardi (3473044786)

Mostre visitabili:

Mostre visitabili ad ingresso libero:

Da venerdi? 2 settembre a domenica 4 settembre
Sala Polifunzionale, Sala dei Centomila, Teatro Parrocchiale, Libreria Speleologica:

“Lessinia Sotto” – Mostra a cura dei gruppi della Commissione Speleologica Veronese “Immagini dal mondo sotterraneo” – Mostra a cura dei gruppi grotte veronesi; “Marostica ritrovata: l’interesse didattico e ambientale di grotte pedemontane dimenticate”

Mostra a cura del Gruppo Speleologico CAI Marostica i barbastrji
“I Mostri del Montello” – Mostra a cura del Gruppo Naturalistico Montelliano,
Nervesa della Battaglia (TV)
“Le Grotte dei Colli Berici” – Mostra a cura del Club Speleologico Proteo, Vicenza
“Le grotte veronesi: Puliamo il buio” – Mostra a cura di Andrea Ceradini (G.A.S.V.)

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Appuntamenti, Eventi Speleo, Veneto

Soccorso Alpino: terminate le operazioni nelle zone terremotate

Rientrano nelle zone d’origine le squadre del CNSAS impegnate in Lazio e Umbria. Terminata la prima fase dell’emergenza

Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico

Comunicato del 27/08/2016 ore 08:34
Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, come concordato nella serata di ieri con il Dipartimento di Protezione Civile, ha terminato le operazioni di soccorso e “search and rescue” nelle zone del centro Italia colpite dal terremoto.

Gli uomini del CNSAS sono arrivati nelle zone terremotate a 90 minuti dalla prima scossa del 24 agosto. La squadra locale di Rieti ha raggiunto in breve tempo Amatrice e Accumuli, riferendo alla Direzione Nazionale le prime informazioni dalle zone terremotate. E’ stato deciso di attivare immediatamente le procedure per far convergere fra Lazio e Umbria tecnici del CNSAS da tutt’Italia. Nella prima giornata sono arrivate nelle zone terremotate squadre del soccorso alpino umbre, toscane, dalle marche. Successivamente colonne di soccorso CNSAS da tutte le zone d’Italia.

Ha operato personale altamente specializzato: tecnici alpini, speleologi, unità cinofile e sanitari.

In queste ore le squadre, terminato il lavoro assegnato, stanno rientrando nelle zone d’origine. Nel centro operativo di coordinamento di Amatrice resterà una piccola delegazione della Direzione Nazionale del CNSAS, a disposizione per eventuali emergenze.

DATI:
24 agosto

Uomini impegnati: Nella prima giornata hanno operato sul campo 112 operatori del CNSAS, con 13 unità cinofile e 10 medici.

Zone di operazione: Amatrice, Accumuli, San Lorenzo e Flaviano, Sommati, San Lorenzo a Pinaco, Configno, Pescara del Tronto

Estratte dalle macerie: 42 feriti, 38 persone decedute

25 agosto

Uomini impegnati: Nella seconda giornata hanno operato sul campo 153 operatori del CNSAS, con 21 unità cinofile e 16 medici. Il CNSAS ha inserito e coordinato nelle proprie squadre anche cinofili della PC, GDF e Corpo Forestale dello stato.

Zone di operazione: Amatrice, Accumuli, Pescara del Tronto

Estratte dalle macerie: 13 feriti, 24 persone decedute

26 agosto

Uomini impegnati: Nella terza giornata hanno operato sul campo 187 operatori del CNSAS, con 19 unità cinofile e 16 medici. Il CNSAS ha inserito e coordinato nelle proprie squadre anche cinofili della PC, GDF e Corpo Forestale dello stato.

Zone di operazione: Amatrice, Pescara del Tronto e 38 piccoli paesi della provincia di Rieti. Le zone periferiche e più lontane sono state raggiunte dalle squadre del CNSAS con due elicotteri del Corpo Forestale dello Stato con numerose rotazioni dall’elisuperficie di Amatrice. Censite le persone residenti che non hanno abbandonato le case e analizzate le richieste di queste persone di materiali, cibo e farmaci. Report compilato e consegnato alla struttura nazionale per garantire forniture urgenti alla popolazione.

Nuclei familiari ancora nel territorio: 60 nuclei familiari che non hanno abbandonato le zone danneggiate nei paesi della provincia di Rieti.

DATI TOTALI RELATIVI ALLE OPERAZIONI DEL CNSAS

Persone trovate vive: 55 feriti gravi, molte persone colpite e ferite da calcinacci

Morti: 62 persone decedute t

Tecnici impegnati: 421 giornate/uomo

Cinofili impegnati: 53 unità cinofile CNSAS

Personale sanitario CNSAS: 42 giornate/uomo

Provenienza: Tutte le regioni d’Italia, comprese isole Sicilia e Sardegna

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Incidenti, Lazio, Marche, Soccorso, Umbria

La “Boegan” rientrata dall’Albania

Svanita per impegni personali della gran parte dei partecipanti la spedizione italo-slovena alla grotta “Shpella Zeze” (CGEB più speleo sloveni di vari gruppi), sei soci della Commissione Grotte hanno comunque svolto una spedizione alla grotta del “Perr e Boshit”, situata tra i distretti di Teth e Curraj-Eperm. Qui i primi risultati della spedizione.

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Aggrega, Campi Speleo, Esplorazioni e Scoperte, Friuli Venezia Giulia, Spedizioni all'Estero

Terremoto subito 50mila euro dal CAI

Fonte: Lo Scarpone on line

26 agosto 2016 – Subito cinquantamila Euro per le popolazioni di Lazio e Marche colpite dal terremoto. E’ questa la cifra stanziata dal Club Alpino Italiano come anticipo di quanto sarà raccolto con la raccolta fondi “Il CAI per il sisma dell’Italia centrale (Lazio, Marche e Umbria)” aperta l’altro giorno.

Le redazione di Scintilena ricorda che è possibile effettuare una donazione al CAI con un bonifico bancario a:
“IL CAI PER IL SISMA DELL’ITALIA CENTRALE (LAZIO, MARCHE E UMBRIA)”
Banca Popolare di Sondrio – Agenzia Milano 21
IBAN IT06 D056 9601 6200 0001 0373 X15

Personalmente sono orgoglioso di aver rinnovato la mia tessera CAI, di essere parte di un mondo, quello della gente di montagna in generale e quello degli speleologi in particolare, che vive di Valori, anche quando non ci sono tragedie in cui è d’obbligo partecipare con tutta la nostra solidarietà.

Come socio CAI non posso che ringraziare l’operato del CAI. Grazie
Andrea Scatolini

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Incidenti, Lazio, Marche, Speleo CAI, Umbria

Romanian National Congress of Speleology, Oravita 2016

8 settembre 2016a11 settembre 2016

The congress is at its 44th edition and will be held between the 8th and 11th of September 2016 in Oravita town, close to the biggest karstic compact area in Romania. The congress has pre-congress and post-congress activities, giving the opportunity to spend a speleological vacation, also with the family, in this beautiful karst area.

Here are a few helpful links:
Congress information: http://www.frspeo.ro

On the 9th of September, at the Outdoor Pool “Termal Ring” in Oravita, we will celebrate seven speleological organizations:
- The Speleological Association “Exploratorii” – 55 years
- The Association “Clubul Speologilor Amatori” – 50 years
- The Mountain Association “Zarand Brad” – 45 years
- Clubul de Speologie Montana – 40 years
- The Speleological Association “Speocara? ” – 35 years
- Romanian Speleological and Karstological Society – 25 years
- The Association “Speleoteam” – 15 years
… something is cooking …

The congress is organized by the Romanian Federation of Speleology (FRS), the Speleological Associations “Exploratorii” and “Speocara?”.

Together we explore the Romanian karst!

Ioji Morac, Gigi Chiran, Bogdan B?descu

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Appuntamenti, Notizie dall'estero

Terremoto – Comunicato CNSAS del 26 agosto 2016 ore 8:26

Comunicato Stampa del 26 agosto 2016

Terremoto: nuove aree di ricerca per il Soccorso Alpino

Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico
Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, dopo due giorni di intensa attività nelle zone di Amatrici, Accumoli e Pescara del Tronto, con più di 40 feriti estratti dalle macerie e 50 corpi recuperati, nelle prossime ore sarà impegnato nei piccoli paesini e nelle piccole frazioni del reatino. Si tratta di territori meno popolati, ma che hanno riportato danni rilevanti.

I tecnici del Soccorso Alpino raggiungeranno le località – in tutto 32 – più isolate con l’elicottero, partendo dall’elisuperficie di Amatrice.

Fra le destinazioni Spelonga, Colle, Poggio d’Api, Illica, Saletta, San Lorenzo Flaviano, Rocchetta, Sommati, Musicchio, Configno.

L’ufficio stampa nazionale CNSAS

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Incidenti, Lazio, Marche, Soccorso, Umbria

Terremoto, primo bilancio del CNSAS Soccorso Speleo

Più di 40 feriti portati in salvo e 50 corpi recuperati dal CNSAS.

Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico
All’alba del 26 le squadre sono state elitrasportate nelle frazioni minori per portare soccorso alle comunità ed alle famiglie isolate. La speranza di trovare altre persone vive continua.

Sono oltre 150 i tecnici del CNSAS provenienti da tutta Italia che stanno operando nei territori del Centro Italia colpiti dal sisma del 24 agosto.

Tra essi vi sono 12 unità cinofile e 15 operatori sanitari.

Le prime squadre del CNSAS hanno incominciato ad operare a 90 minuti dall’evento.

Maggiori info e immagini su:
http://www.soccorsospeleo.it/

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Incidenti, Lazio, Marche, Soccorso, Umbria

Soccorso Alpino: trovati altri cinque corpi sotto le macerie

Recuperate altre salme dagli uomini del CNSAS impegnati nell’emergenza terremoto. Domani le squadre saranno elitrasportate nelle piccole frazioni minori

Ancora una giornata di intenso lavoro per gli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico impegnati nell’emergenza terremoto in Italia centrale. Cinque le salme identificate dalle unità cinofile e successivamente recuperate dalle squadre di soccorso del CNSAS.

Ad Amatrice sono stati effettuati dal CNSAS tre ritrovamenti di dispersi nel corso della giornata. I cani hanno continuato a “battere” zone più nascoste, fra gli stretti vicoli del paese.

Due salme sono state invece recuperate a Peschiera del Tronto. Il recupero di questi due corpi è stato molto difficile, perché i corpi si trovavano in una posizione particolarmente impervia, fra cumuli di macerie alti parecchi metri. E’ stato necessario istallare alcune corde fisse e muoversi con tecniche alpinistiche.

Nel pomeriggio una scossa molto violenta di terremoto, l’ennesima, ha fermato le ricerche per quasi un ora. Grande la paura di nuovi crolli, che effettivamente sono avvenuti a breve distanza da dove operavano gli uomini.

Domani il Soccorso Alpino abbandonerà la zona centrale di Amatrice per dirigere le proprie forze nelle piccole frazioni periferiche e nei paesini nelle zone montane. Le squadre saranno trasportate in elicottero sul luogo di ricerca. Importante il ruolo in questo caso del supporto cartografico informatizzato, con i nuovi scenari 3D in dotazione al Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, che permettono di gestire dalla centrale operativa il lavoro delle squadre sul campo.

Comunicato ufficiale Ufficio Stampa Nazionale CNSAS del 25/08/2016 ore 20:04

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Incidenti, Lazio, Marche, Soccorso, Umbria

CNSAS impegnato sul terremoto, richiamo alla massima attenzione in grotta

Un comunicato del CNSAS Toscana avverte gli speleologi della regione ad essere ancora più attenti in questi giorni nella frequentazione delle grotte, perchè molti tecnici del CNSAS sono impegnati nelle operazioni di soccorso nella zona colpita dal terremoto.
Estendiamo la stessa raccomandazione a tutti gli speleologi in tutta Italia:

All’attenzione di tutti frequentatori delle grotte del territorio toscano

Dietro richiesta della III Delegazione Speleologica Toscana del CNSAS, si avvisa che un discreto numero di tecnici volontari della squadra sono attualmente impegnati nelle zone dove si è verificato il terremoto.

Si richiede quindi di impiegare, ancora più del solito, la massima cautela durante le uscite di grotta, perché in caso di eventuale incidente le manovre di soccorso risulterebbero ovviamente rallentate.

Siamo sicuri che capirete la priorità del caso.

Il CF della Federazione Speleologica Toscana

Ti interessa questo argomento? vedi articoli correlati su: Incidenti, Soccorso, Toscana