In Umbria un luglio al “fresco”!

Due fine settimana lontani dal caldo sulla montagna di Cesi e nelle cisterne romane di Todi.
Dall’11 al 12 luglio a Cesi l’edizione 2015 di EXPLO’ la manifestazione promossa dalla locale Pro loco, dal Gruppo Speleologico Terre Arnolfe di Cesi e dagli Urban Divers della FIPSAS. Due giorni, da quest’anno con possibilità di pernotto e accoglienza gastronomica , all’insegna della speleologia, del volo a vela, dell’astronomia, del trekking, delle immersioni speleosubacquee, dei giochi per bambini ( palestra arrampicata e Fantagrotta) con Mostre, premiazioni ( Premio Speleosub e Quasi speleosub 2015) e proiezioni. Protagonisti il Gruppo Grotte Pipistrelli del CAI di Terni, l’Associazione “Stefano Zavka”, gli Astrofili Ternani, il Gruppo Vele Cesi, l’associazione Strada Facendo. Verrà inoltre presentato il raduno Spelonarnia che si terrà a novembre sempre in Umbria a Narni.
Dal 23 al 26 a TODI il Primo STAGE NAZIONALE DI IMMERSIONI IN CAVITA’ ARTIFICIALI. Organizzato dalla FIPSAS, Scuola Tecnica Umbra Subacquei e Sommozzatori in collaborazione con la Protezione Civile, Todisotterranea e Urban Divers. Un programma intenso in cui verranno affrontate le tematiche proprie delle immersioni in ambienti confinati. Teoria e pratica nelle cisterne del centro storico della bellissima città umbra. (vedi allegati)

Workshop FSLo sui chirotteri nelle grotte lombarde – 4/6 Settembre – Cunardo (Varese)

Nel primo fine settimana di settembre (4-6 settembre) si terrà a Cunardo (VA) un workshop sui chirotteri nelle grotte lombarde, organizzato dal Gruppo Speleologico CAI Varese, dalla FSLo e dall’Università dell’Insubria, con il patrocinio del CAI e SSI.

Continua a leggere Workshop FSLo sui chirotteri nelle grotte lombarde – 4/6 Settembre – Cunardo (Varese) →

I sotterranei di Parigi, al buio nella Ville Lumière

Il Gruppo Speleologico GSB-USB di Bologna organizza i “Martedì intelligenti”, iniziative pubbliche di divulgazione del mondo della speleologia.
Martedì 7 luglio è in programma “I sotterranei di Parigi, al buio nella Ville Lumière”. Saranno proposte foto dei cunicoli sottostanti la città e le banlieue di Parigi. Cave di calcare dall’epoca romana ai giorni nostri, sotterranei trasformati in ossari, fungaie e basi Nato.
Vi aspettiamo alle ore 21,00 a Bologna presso la nostra sede: Cassero di Porta Lame, Piazza VII Novembre 1944 n. 7.

Locandina dell'evento

Locandina dell'evento


La Scala del Giardino

La Scala del Giardino

Il Bar dei Rats

Il Bar dei Rats

SIDA!

SIDA!

Giornata Nazionale della Speleologia – “Venite a conoscere la nostra passione”

3 ottobre 2015a4 ottobre 2015

GNS

Quest’anno la Società Speleologica Italiana organizza la Giornata Nazionale della Speleologia, prevista per il primo fine settimana di Ottobre (sabato 3 e domenica 4).
Il tema scelto per il 2015 è “Venite a conoscere la nostra passione”

E’ online il sito web dedicato alla Giornata, ove potrete trovare maggiori informazioni e ulteriori dettagli e dove saranno registrati gli eventi che verranno organizzati sul territorio nazionale, in modo che abbiano la massima visibilità.

Questo il link: www.giornatedellaspeleologia.it

La Giornata Nazionale della Speleologia è un contenitore virtuale, che permette a tutte le realtà speleologiche di comunicare e mettere in risalto i singoli eventi proposti. Per fare qualche esempio: visite guidate, anche per famiglie, laboratori didattici, mostre fotografiche, proiezioni di audiovisivi, racconti, azioni legate a “L’acqua che berremo”, report pubblici su “Puliamo il buio” o su “Diversamente speleo”, etc..

Ci è parso opportuno dare solo indicazioni generali sulle situazioni da creare. Siete, quindi, liberi di proporre le azioni che ritenete più attuali ed interessanti.

E’ importante riuscire a parlare di speleologia al “mondo di sopra”, con termini semplici e per non addetti ai lavori, comunicando con sincerità la passione che ci spinge a esplorare il mondo sotterraneo.

Aderite, divulgate e fate partecipare!

Società Speleologica Italiana

Muli de grota

3 luglio 2015
21:30a23:00

Gruppo Grotte Treviso e La Venta

vi invitano alla terza e ultima serata della rassegna “Storie di Uomini e Montagne”

con il patrocinio di Società Speleologica Italiana e Federazione Speleologica Veneta
nell’ambito di RetEventi Cultura 2015 della Provincia di Treviso

Venerdì 3 luglio, ore 21.30
presso il Centro di documentazione speleologica Franceso Dal Cin, via Cal di Breda 132/III Treviso

Muli de grota

Con Franco Gherlizza

Passione, amicizia, solidarietà. Carso triestino, Alpi Giulie.
Franco Gherlizza, speleologo triestino, presenta il suo libro “Muli de Grota”. Storie di grandi amicizie e di rivalità costruttive, impostate sempre sul rispetto dell’altro, ma che servono per incentivare le attività e creare una sorta di filo conduttore per le varie storie che si susseguono, in buona parte, sul territorio carsico alle spalle di Trieste ma anche sulle Alpi Giulie, dove il massiccio del monte Canin fa da sfondo all’epica “corsa” al meno mille degli anni ’70 e ’80. Un libro che previlegia il rapporto che si instaura tra le persone e il territorio in cui si svolgono le loro passioni per il sottosuolo e per la montagna. Come ha scritto il giornalista Massimo Gobessi: “Un libro che guarda a quei valori che piano piano stiamo dimenticando un po’ tutti; è un libro che fa meditare sul senso dell’amicizia, della parola data, dell’appartenenza, della solidarietà. E’ più un libro di valori che non uno spaccato personale di “vita” speleologica”.

info: http://www.gruppogrottetreviso.com

SABATO 27 GIUGNO: “DIVERSAMENTE SPELEO 2015 EMILIA-ROMAGNA”

Sabato 27 giungo a Riolo Terme e Casola Valsenio si terrà la giornata
“Diversamente Speleo 2015 Emilia-Romagna”, organizzata dallo Speleo Club Forlì CAI e dall’Ass. Speleopolis di Casola Valsenio.

Diversamente Speleo è un progetto che nasce nel 2012 in diverse regioni italiane ed in particolare a Forlì, con l’obbiettivo di permettere agli amici e amiche diversamente abili che desiderano conoscere il mondo delle grotte, di vivere una giornata assieme agli amici speleologi ed essere loro stessi “geografi del vuoto”.
L’iniziativa si svolgerà a partire dalle ore 9.00 presso la Grotta del Re Tiberio dove sarà svolto uno specifico accompagnamento nel tratto turistico della grotta, con la collaborazione delle guide de La Nottola che illustreranno ai partecipanti le caratteristiche della cavità preistorica e dell’ambente della Vena del Gesso.
Il programma prevede poi per il pomeriggio dalle ore 16.00, a Casola Valsenio presso la Sala Don Guidani, un momento di incontro e di testimonianza sull’attività svolta in mattinata insieme ai ragazzi e alle ragazze accompagnati in grotta, e assieme a chi ha svolto esperienze analoghe in altre regioni.
La giornata è patrocinata da: Comune di Riolo Terme, Comune di Casola Valsenio, Parco regionale della Vena del Gesso romagnola, Club Alpino Italiano, Società Speleologica Italiana, Federazione Speleologica della Regione Emilia Romagna, Soccorso Alpino e Speleologico dell’Emilia-Romagna, Associazione La Nottola, Gyproc – Saint Gobain.
Per gli interessati a partecipare il riferimento email è il seguente:
diversamentespeleo2015retiberio@speleopolis.org

Per informazioni:
http://www.speleopolis.org/it/appuntamenti/diversamente-speleo-2015
Evento Facebook

Altri riferimenti:
http://www.diversamentespeleo.org/
Siversamente speleo su youtube

Locandina:
Scarica la locandina in PDF

Diversamente Speleo 2015 Emilia-Romagna

Proiezione filmato spedizione in Uzbekistan

10 luglio 2015
21:00a22:00

Venerdì 10 Luglio 2015 alle ore 21.00 presso il Palamonti di Bergamo ( via pizzo della Presolana 15) sarà proiettato un documentario sulla spedizione di un gruppo di speleologi Russi e Italiani eseguita in Uzbekistan nell’estate 2014.
La spedizione pubblicata sul numero 72 della rivista “Speleologia”, è stata approntata per eseguire alcuni rilievi e continuare l’esplorazione della grotta Dark Star, avente ingresso su una impressionante quanto spettacolare muraglia nell’altopiano Uzbeko.
Il filmato ripercorre tutte le fasi salienti dell’avventura, dall’avvicinamento, al campo base, alle fasi di discesa e risalita della grotta con immagini che ben poco lasciano all’immaginazione: un mondo che ogni volta ci lascia a bocca aperta.

Ingresso libero.

Buso della Neve

Avvio con il botto per la stagione sull’altopiano di Asiago.
Molte squadre impegnate in questo fine settimana.
Se non erro: Però prometteva bene e Porro del Nido sabato, Però prometteva bene e Buso della Neve domenica.
Come da programma annunciato giovedì in sede, il “Capp Team”, è andato in ricognizione al Buso della Neve.
Io e Alice con Daniela e Nicola al seguito.
Premessa: il programma è quello di salire in zingarella a piedi, andare all’ingresso dell’abisso e probabilmente con l’aiuto delle pale trovare i super blasonati bidoni di accesso alla grotta magari intatti e sepolti da poca neve.
Scavare e ripristinare il passaggio.

La sorpresa è AMARA, non solo non c’è neve sui bidoni ma non c’è neppure attorno.
In sintesi ipotizzo che questo inverno è nevicato così poco e ha fatto così caldo che l’aria che spira dall’abisso ha continuato a sciogliere la calotta di neve facendola collassare da attorno ai bidoni.
La neve è caduta naturalmente alla base del meandro di ingresso per il fondo, ingrossando il cumulo/scivolo di ghiaccio in cui si atterrava lo scorso anno.
L’accesso al meandro è comunque aperto, come aperto è l’accesso a Sala Mediana.
Spero che questo non inneschi una ventilazione in Sala Mediana che possa accelerare lo scioglimento della neve durante questa estate.
Dalle foto il confronto e chiaro, la prima foto mostra la situazione dei bidoni a lavori ultimati, autunno 07/09/2014

Abbiamo anche fotografato la base della partenza del meandro dall’alto prima che la batteria della fotocamera mi piantasse in asso.
Flavio Cappellotto – Gruppo Grotte Schio Cai
…l’articolo completo…

Marguareis, Carsene, nuove Esplorazioni in Belushi!!

19 giugno 2015 19:00a21 giugno 2015 20:00
19 giugno 2015 19:00a21 giugno 2015 20:00

Abisso BELUSHI 19-21 giugno 15, Conca delle Carsene, Marguareis
Venerdì sera i torinesi son bloccati per strada sotto il diluvio universale, gli altri sono sotto la pioggia all’inizio della sterrata che porta alla Capanna Morgantini. Stoicamente andiamo avanti, e alle 23 ceniamo.

La mattina sacchi in spalla e in cammino, alle 11 stiamo armando il primo pozzo (il resto è già tutto armato, per fortuna). La grotta è bella bagnata, e sappiamo bene che l’acqua scendendo non può che aumentare. C’è un punto critico, una finestra sotto stillicidio (di solito) e i saltini successivi. Alla base di quelli siamo bagnati marci! Dopo un attimo di esitazione strizziamo tuta e sottotuta e continuiamo la discesa, sperando di scaldarci. Giunti nelle gallerie allestiamo un bivacco volante, dove si sta comodi in 4 seduti, mentre la seconda squadra ci raggiunge. Dopo un tè molto gradito e un po’ riscaldati andiamo verso il limite dell’esplorazione dell’anno scorso, a un’oretta da lì. Mentre una squadra trasforma l’armo da alpinistico a speleologico un’altra rileva e Gian ed io iniziamo la risalita nel grosso con aria forte. Arriviamo in fretta in cima e ci troviamo di fronte a una galleria alta 12 metri e larga 6, con pavimento concrezionato e ruscellato… avanziamo increduli (posti così in Carsene non esistevano ancora). La galleria principale si pianta poco dopo in un riempimento di fango veramente illegale, ma sulla sinistra si stacca agile una galleriotta di 3 metri di diametro che sale, e poi scende. Richiede corda, ma è indietro. Torniamo indietro a attrezzare la progressione sulla risalita.

dedicata al grande assente

Con sincronismo quasi perfetto la squadra rilievo arriva mentre terminiamo l’armo e saliamo tutti, esaltatissimi. Altro tè (non fa caldo) e ritorniamo nelle gallerie: cordina veloce su colonne bellissime e atterriamo in salone che… è una galleria! Anzi un incrocio: scegliamo la direzione pianeggiante, e iniziamo la lunga marcia in ambienti enormi: il diametro delle gallerie è mediamente intorno ai 10 metri, a volte di più, e quando la sezione si stringe intorno ai 10 mq si sente un aria furibonda che ci viene in faccia (che è comunque percepibile anche dove l’ambiente è grande). Camminiamo deliranti e attoniti. Ci fermiamo dopo un bel pezzo su una frana che blocca la galleria (ma l’aria passa, e ci si può lavorare). Poco prima, sulla destra si apre un’altra galleria che diventa una forra, con aria in faccia decisa. Ma abbiamo finito le corde, è tardi e ripieghiamo rilevando. Tornando segniamo tutti i bivi e le gallerie laterali che partono, e lasciamo per la prossima volta la galleria verso cui sembra andare tutta l’aria. Il rilievo ci dice quasi 600 metri (lontani da altre gallerie o grotte) ma c’è molto solo visto e non rilevato…
Ora bisognerà allestire un campo interno e essere operativi per il campo ad agosto in Carsene di quest’estate… Ma l’inizio sicuramente è ottimo!!

I colpevoli: “il Calle” (Valter Calleris), Bob (roberto Chiesa), Tommy (Tommaso Andreis), Gian (Gianluca Ghiglia), Smigol (Luca Vinai), Ruben (Ruben Ricupero), Marcolino (Marco Marovino), Stefo (Stefano Calleris). Spettacolare squadra mista Torino-Cuneo-Val Tanaro-Liguria!

Foto: Roberto Chiesa

VII Esame di Qualifica per AI e IT CNSS-SSI

VII Esame di Qualifica per AI e IT CNSS-SSI
Coordinamento Regionale Scuole di Speleologia Campania e Molise.
12 e 13 settembre 2015 Ferrazzano (CB)
maggiori dettagli e modulo d’iscrizione http://www.gsne.it/Co…/VII%20esame/esame%20molise%202015.doc