E’ in libreria “Una grotta tra terra e mare, Le meraviglie del Puerto Princesa Underground River”, a cura di Antonio De Vivo, Paolo Forti, Leonardo Piccini; volume fotografico edito da Skira, che documenta, con un notevole apparato di immagini e ricchezza di contenuti, i trent’anni di lavoro speleologico e scientifico dell’Associazione La Venta a Puerto Princesa, nelle Filippine.

Il parco nazionale del fiume sotterraneo di Puerto Princesa, noto anche come Natuturingan Cave, è una delle più importanti aree protette dell’isola di Palawan nelle Filippine.
Si tratta di un imponente sistema di grotte di calcare, attraversato da un fiume sotterraneo lungo quasi 8 chilometri, navigabile per soli 4 km, che sfocia direttamente nel mare.
L’isola di Palawan, nelle Filippine, custodisce uno straordinario tesoro sotterraneo: il Puerto Princesa Underground River o Natuturingan, come lo chiamano i locali.
È una grotta immensa, Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1999, e dal 2012 tra le nuove sette meraviglie naturali della Terra. È percorsa da un fiume sotterraneo che attraversa la montagna da parte a parte per sbucare a pochi metri dal Mar Cinese Meridionale. E ospita un ricchissimo ecosistema: centinaia di specie animali, molte delle quali endemiche, e una catena alimentare basata sul guano prodotto da vaste colonie di rondini e pipistrelli.
Fra le grotte turistiche più visitate al mondo, la Natuturingan Cave mantiene intatto il suo fascino ancestrale grazie a una gestione lungimirante: non una luce è stata installata all’interno, non un passaggio è stato cementato, non un pontile è stato allestito sulla spiaggia. Con piccole barche a bilancieri i visitatori possono accedere a oltre un chilometro di gallerie allagate, vivendo un’esperienza mozzafiato. Ma la grotta cela molti altri ambienti, talvolta di dimensioni colossali.
Qui, immerse nel silenzio del tempo, si trovano mineralizzazioni e concrezioni di rara bellezza.
Negli ultimi trent’anni l’Associazione La Venta ha dato un contributo fondamentale all’esplorazione e documentazione di questa grotta: un lungo lavoro finalmente raccontato in questo libro, che permette a tutti di godere di una delle più straordinarie meraviglie sotterranee del nostro pianeta.

Luogo di bellezza straordinaria, Puerto Princesa ha da sempre affascinato esploratori e scienziati. Le prime fonti riguardanti il fiume sotterraneo risalgono al 1850: lo cita nel suo diario di bordo il comandante Bates della Marina inglese, impegnato nella perlustrazione della costa occidentale dell’isola di Palawan, ma non è chiaro se vi sia mai entrato. La prima vera esplorazione speleologica risale al 1912 ed è descritta nell’Annual Report of the Superintendent, Coast and Geodetic Survey of the USA. Dagli anni 60 numerose sono state le spedizioni sul campo, per studiarne l’aspetto geologico, molte anche di speleologi italiani.

Tra il 2012 e il 2015 La Venta effettua due spedizioni con il progetto “Support for Sustainable Eco-tourism in the Puerto Princesa Underground River Area”. Il Puerto Princesa Underground River supera oggi i 34 chilometri di sviluppo.
Il fiume sotterraneo di Puerto Princesa è stato dichiarato una delle 7 nuove meraviglie della natura e rappresenta anche uno degli ecosistemi costieri sotterranei più straordinari al mondo per la sua biodiversità. Dal 1999 l’area è patrimonio UNESCO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.