Scoperte archeologiche alla grotta delle bufale di Favignana, o Grotta del Cervo

Pochissimi giorni fa i media siciliani si sono infiammati per la scoperta eccezionale di pitture rupestri in una grotta di Favignana, “Grotta di Ucciria”.
Secondo la notizia, un laureando e il suo professore universitario avevano scoperto una grotta con pitture rupestri risalenti a 10 mila anni fa.
Alla notizia è stato dato un’enorme risalto, tanto che è sceso in campo addirittura il Sindaco di Favignana, che in una nota spiega che la grotta era stata descritta nel 1870 dal Marchese G. Dalla Rosa, riscoperta, rilevata e accatastata dagli speleologi del gruppo Speleo-Archeologico Egadi nel 1968, già allora in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica che vi effettuò le prime raccolte di reperti. La Grotta, se della stessa grotta di Ucciria si parla, è nota anche sin da tempi remoti come “Grotta del Cervo”.
Nel 2005, venne intrapresa una campagna di studio, presso la grotta del Cervo durante la quale furono messe in luce, nel tratto mediano della parete che fa da sfondo nell’ambiente centrale della cavità, alcune figure zoomorfe e antropomorfe.

Fonte della notizia:
www.trapaniok.it

Leave a Response