Il laboratorio sotterraneo di Mont Terri a St-Ursanne (JU), uno dei principali centri di ricerca a livello internazionale riguardo le rocce argillose, ha festeggiato oggi i suoi 20 anni di attività in presenza del consigliere federale Guy Parmelin. Il 21 maggio, durante la giornata delle porte aperte, anche la popolazione avrà la possibilità di visitare il laboratorio.

Esso rappresenta oggi uno dei principali centri ricerca a livello internazionale riguardo le rocce argillose.
Sotto la guida del servizio geologico nazionale (swisstopo), 16 partner di ricerca provenienti da 8 paesi partecipano al progetto Mont Terri. Fino ad oggi sono stati svolti 130 esperimenti, la maggior parte dei quali a lungo termine, e legata allo stoccaggio in strati geologici profondi di rifiuti radioattivi ed al sequestro di CO2. I risultati ottenuti contribuiscono in maniera fondamentale allo studio di fattibilità e alla sicurezza di un deposito di rifiuti radioattivi. Il proprietario del laboratorio sotterraneo è il Canton Giura. Una commissione nominata dal cantone vigila sulla sicurezza e sullo svolgimento degli esperimenti.

leggi tutta la notizia sul Corriere del Ticino

potrebbe interessarti anche:
[catlist currenttags=”yes”]
[catlist categorypage=”yes”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.