LA CURA DELL’ACQUA
(Abisso dei Giganti – Pian del Tivano), di Fabio Bollini

Abisso dei Giganti
Abisso dei Giganti, di Fabio Bollini

È una fragorosa cascata quella che vediamo precipitare da circa 150 metri d’altezza, nel vuoto più assoluto.

Lo scioglimento di questi giorni ha infatti notevolmente aumentato il livello delle acque.

Con le nostre lampade cerchiamo d’illuminarne invano la provenienza ma niente da fare, è decisamente troppo lontano, intravediamo solo una sagoma scura.

Questo gigantesco snodo dev’essere un punto d’incontro di numerosi rami che si sono dati appuntamento in questa enorme sala per creare qualcosa di unico.

In quest’ultimo intenso weekend esplorativo molti lavori sono stati portati avanti: abbiamo iniziato una nuova risalita nel grande vuoto che punta dritta ad un grosso finestrone; allargato notevolmente il basso passaggio al sifone e che ci ha recentemente permesso di scoprire nuovi ambienti e gallerie che puntano dritte alla sotto-tacchi; e risistemato molti armi.

Alla squadra che avrebbe dovuto invece proseguire sulla forra infinita è andata diversamente, sono stati costretti a rientrare a causa della cospicua doccia sulle verticali, ma l’esplorazione è stata solo rimandata.

È incredibile invece come alle montagne sabbiose del campo il clima sotterraneo rimanga sempre invariato, come non appartenesse al resto della grotta.

In uscita ovviamente abbiamo fatto tutti una doccia colossale
Alla prossima…

Hanno partecipato: Fabio Bollini, Pamela Romano, Mauro Regolini, Manuel Marchiori, Gianni Donini, Giacomo Meglioli (Sectorello), Lorenzo Bustrenghi, Roberto Pettirossi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.