Notizia di Daniele Berardi

Si è concluso con grande successo ed entusiasmo presso il Centro Visita del Corpo Forestale dello Stato di Caramanico Terme, il 5° Campo Scuola di Speleologia organizzato dall’Associazione Geonaturalistica GAIA in collaborazione con Scienze Under 18 di Pescara.
I 15 partecipanti di età compresa tra i 12 e i 16 anni sono stati per 7 giorni protagonisti e piccoli esploratori del mondo sotterraneo. Il Direttore del Campo Scuola Daniele Berardi si è detto soddisfatto della piena riuscita dell’iniziativa ed in particolare compiaciuto dell’entusiasmo riscontrato nei giovani partecipanti. “Sono orgoglioso del lavoro svolto da parte di tutto il Team di Tutor provenienti da Trieste, Bologna, Roma, Viterbo che ha collaborato alla riuscita del Campo Scuola di Speleologia” così commenta lo speleologo e Direttore del Campo Scuola Daniele Berardi.
Compiacimento per la sensibilizzazione dei giovani alla tutela e protezione di ambienti naturali ipogei ed epigei è stato espresso dall’Assessore alla Pubblica Istruzione della Città di Pescara Roberto Renzetti.
Le attività articolate in lezioni teoriche ed attività didattiche in ambiente naturale tenute da esperti Speleologi, Geologi, Meteorologi, Biologi, Naturalisti, Cartografi oltre che dal Corpo Forestale dello Stato, hanno permesso di far conoscere ai partecipanti gli ambienti carsici di superficie e sotterranei presenti in Abruzzo, garantendo un ulteriore tutela e protezione di tale patrimonio.
Per il Direttore del Campo, Daniele Berardi, far acquisire ai partecipanti le conoscenze di base e le tecniche fondamentali per un corretto e sicuro approccio all’esplorazione del mondo sotterraneo è basilare per usufruire in maniera corretta dell’ambiente ipogeo.
L’iniziativa unica in Italia è stata patrocinata da: Società Speleologica Italiana – Regione Abruzzo – Provincia di Pescara – Città di Pescara – Comune di Caramanico terme – Parco Nazionale della Maiella – Parco Gran Sasso-Monti della Laga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.