In un distretto minerario del Cile il 30 luglio 2022 si è formato un sinkhole, ovvero una voragine larga circa 32 metri. 

Sabato 30 luglio alle ore 16:30 circa (ora locale) si è aperta una voragine nel territorio della miniera sotterranea di Alcaparrosa, in Cile, a circa 665 km a nord della capitale Santiago.

Si tratta di un sinkhole, cioè uno sprofondamento improvviso del terreno causato da un collasso dei livelli rocciosi più superficiali.
Questa enorme cavità cilena è al momento tenuta sotto stretta osservazione dall’Ente Nazionale per la Geologia e le Miniere (Sernageomin) per monitorare ulteriori crolli: il suo diametro sarebbe infatti passato in pochi giorni dagli iniziali 25 metri agli attuali 32 metri.

Restano invece da definire con precisione i dati in merito alla sua profondità: inizialmente si parlava di 200 metri ma un comunicato stampa pubblicato dallo stesso ente nazionale il 2 agosto riporta un valore pari a circa 64 metri, che non sono pochi lo stesso.

Fonte e articolo originale: Pagina Facebook di GeoPop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.