Abisso Bueno Fonteno: forra che conduce al fondo - Foto Nicola Belotti
Abisso Bueno Fonteno: forra che conduce al fondo - Foto Nicola Belotti
Nella notte tra sabato e domenica 4 dicembre, una bella squadra mista Progetto Sebino (M. Pozzo, M. Casaletti, N. Belotti, F. Dal Corso(GGS) – Gruppo Grotte Brescia (Vichy, Marco, Marco, Nicola e Gnaggno) entrano in Bueno Fonteno con obiettivo l’esplorazione a nuoto di un vasto ambiente allagato, a – 440 dall’ingresso (e -605 m come sistema), per verificare il collegamento con la grande diramazione attiva di Hydrospeed.
Arrivati a Salsa Rosa, saliamo nella diramazione Quo Vadiz che con un bellissimo freatico, si affaccia su Canal Grande, il lago inesplorato, e inizia la vestizione: Fabrizio usa una stagna con pinne, Monia una tuta umida con scarponi.
Il posto é pazzesco, guardate il video: freaticone enorme alto 30 metri, con finestrone 3×3 in alto sul lago. Le pareti finiscono direttamente in acqua con un P17 in una larghezza che supera i 5 metri. Il lago é molto profondo. Si entra in acqua con la corda e c’é un vento fotonico.
Fabrizio entra per primo e poi aspetta che Monia scenda e iniziano a nuotare. Li sentiamo sparire ululando e poi il silenzio.
Abisso Bueno Fonteno: freatico verso il fondo - Foto Nicola Belotti
Abisso Bueno Fonteno: freatico verso il fondo - Foto Nicola Belotti
Dal racconto di Monia:
Contro ogni previsione del nostro presidente non sono andata a fondo … gli scarponi avevano un buon peso e mi hanno certamente dato un bel da fare, ma non tale da farmi colare a picco privandomi così del piacere di raccontarvi della bella avventura a Canal Grande, con il miticissimo amico Fabry.
Affrontata la discesa ci troviamo direttamente nelle scure acque del lago, non ci sono spiagge dove potersi liberare dagli attrezzi e giustamente Fabry, mutuando dalle tecniche del canyoning scioglie il nodo al capo della corda prima di calarla, facilitando in questo modo il divincolamento dalla corda una volta in acqua.
Il lago dove ci ritroviamo a sguazzare allegramente ha una lunghezza di circa 20 m per una larghezza di 8, la profondità non la conosciamo con certezza, ma a detta di Fabry è bello profondo; ed ecco davanti a noi una bella galleria larga circa 5 m e lunga 50, la imbocchiamo gustandoci ogni istante del viaggio.
La volta è disseminata da splendidi cul de sac, a metà del canale sulla nostra destra intravediamo una spiaggetta a cui diamo una rapida occhiata, l’ambiente è di modeste dimensioni con uno sviluppo prevalentemente verticale ricoperto da una glassatura di fango.
Dopo questa breve sosta proseguiamo la nuotata circondati da pareti levigate, in uno scenario che ricorda i sotterranei de “Il fantasma dell’opera” raggiungiamo la terra ferma … approdati sull’accogliente spiaggetta e dopo i primi festeggiamenti dico a Fabry che è il momento di cercare segni di “civiltà”…. faccio tre passi verso il salone eeee… ecco lì un bel punto arancione datato ormai quasi un decennio; siamo a Hydrospeed! giunzione fatta!
A questo punto rientriamo soddisfatti in acqua per portare la bella notizia alla squadra godendoci ancora per qualche istante la tranquillità liquida e la pace che ci circonda.
Grazie a tutti quanti per la bella avventura e la fantastica compagnia!
Abisso Bueno Fonteno: Ramo Salsa Rosa - Foto Nicola Belotti
Abisso Bueno Fonteno: Ramo Salsa Rosa - Foto Nicola Belotti

Compimenti ai due nuotatori: giunzione comunque storica per noi.
E come al solito un grande ringraziamento va agli amici del G. G. Brescia.
Si prevede l’acquisto di una gondola per prossime navigazioni a Canal Grande…
E’ possibile vedere il video dell’operazione all’indirizzo:

Max Pozzo
Progetto Sebino

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.